DIGITA LA TUA MAIL QUI PER GLI AGGIORNAMENTI

martedì 7 giugno 2016

LATERZA / SUCCESSO PER LOPANE, ANCHE SENZA IL PD. MA E’ BALLOTTAGGIO CON PERRONE.

GIANFRANCO LOPANE
Sindaco di Laterza corre per il secondo mandato
QUOTIDIANO DI PUGLIA 7 GIUGNO 2016

di Nicola NATALE


Gianfranco Lopane va agevolmente a riconquistarsi la poltrona di sindaco al ballottaggio. 
Anche senza l’appoggio del locale circolo del Pd che gli ha candidato contro l’avvocato Raffaele Parisi. 
Su oltre 10mila votanti ne ha conquistati 3.632 pari al 35,6% del totale dei votanti. 
Suo avversario, a sorpresa ma non troppo, il dr. Francesco Perrone, già consigliere comunale di minoranza. 
Le sue quattro liste ed i suoi consensi personali si sono fermati a 1.533 voti, il 15% dei votanti laertini. 
Il successo di Lopane, ingegnere gestionale 36enne, era scritto nella credibilità della sua proposta politica, caratterizzatasi per una brillante promozione turistica delle bellezze laertine e per l’attenzione al concetto di smart city, in gran parte ancora da realizzare. 
A ottenere più consensi è stata la lista Laterza2020 che, con gli assessori Mimma Stano ed Oronzo Calella, i consiglieri Leonardo Matera e Rocco D’Anzi,  nonché Sabrina Sannelli, conteneva parte dei più fedeli collaboratori del giovane primo cittadino. 
Determinante l’apporto delle altre liste a supporto del sindaco uscente, cioè Futuro comune con 990 voti, i Moderati di Centro di Franco Frigiola (788 voti) e infine la lista Salute, ambiente lavoro (655 voti). 
Francesco Perrone,
candidato sindaco di Laterza al ballottaggio del 19 giugno. 
 L'ing. Lopane stacca di oltre duemila voti il medico Perrone.
Quest’ultimo aveva già riferito di volersi consultare con i suoi candidati e con i suoi elettori in merito all’appoggio da chiedere ai candidati sindaci sconfitti ed alla convergenza dei loro voti sulla sua persona. 
Vale a dire, Agostino Perrone detto Costantino (Conservatori e riformisti) con 1.497 voti messi insieme con 4 liste, Raffaele Parisi (Pd, Giovani Democratici e 2 liste civiche) 1.435 voti, Vito Minei (Forza Italia, Fratelli d’Italia, Civici per Minei) con 1394 voti ed infine Daniele Bozza, candidato dell’ultima ora del Movimento 5 stelle con 698 preferenze. 
Il più coraggioso quest'ultimo nell’affrontare da sfidante il tema delle “emissioni odorigene” leggi puzza della Progeva e della capotica viabilità di Laterza. 
Ora questo elettorato che non ha condiviso il quinquennio di Lopane dovrà decidere se fargli continuare l’esperienza, avendo collettivamente in mano i numeri per invertire il risultato del primo turno. 
Potrebbe non essere così facile come sembra per Lopane e, quantunque improbabile, gli avversari potrebbero trovare punti d’intesa sui quali convergere.
I più hanno fatto già notare la difficoltà di “fare dopo ciò che era doveroso fare prima” come aveva ammonito Giuseppe Cristella, già sindaco forzista di Laterza. 
Sotto accusa anche la “verdinizzazione del Pd laertino” con esponenti provenienti da Forza Italia e da giunte di centrodestra.