DIGITA LA TUA MAIL QUI PER GLI AGGIORNAMENTI

sabato 20 febbraio 2016

MENSE SCOLASTICHE, I GENITORI DETTANO LE LORO CONDIZIONI.

GINOSA FEBBRAIO 2016. Mense scolastiche in difficoltà.
Operatori e fornitori non pagati da ottobre 2015.

di Nicola NATALE


La democrazia due punto zero. 
Non si può chiamare altrimenti la lettera protocollata ieri da parte di alcuni genitori alla responsabile d’area dei servizi sociali Rosa Pizzulli, con relativa richiesta di incontro. 
Il motivo è sempre quello legato alle difficoltà economiche delle mense scolastiche, in cui all’ottimo funzionamento fa da contraltare il ritardo nei pagamenti senza che esattamente si sappia perché. 
Né i dirigenti, né l’ex maggioranza di centrodestra hanno spiegato pubblicamente perché, a fronte dei ticket pagati dai genitori, poi non ci siano soldi in cassa per pagare la onlus Mammillaria, fornitrice del servizio mense scolastiche. 
La missiva confezionata in un elegante stampatello scritto a mano (ormai raro) enumera in sei punti cosa vogliono i genitori dei bambini che frequentano i  plessi Lombardo Radice (rione Fontana) Morandi (rione Poggio) e Giovanni Paolo II° (via Costa della Crognola). 
Il rappresentante del Calò e della Radice, Michele Grecucci, chiarisce innanzitutto che è volontà comune dei genitori di far mangiare ai loro figli “pasti cucinati sul posto” e quindi di escludere tassativamente “appalti o forniture mediante servizio catering”.
Le richieste non si fermano qui, e a fronte dei 3,5 euro massimi richiesti per pasto, si esigono “controlli accurati circa le condizioni igienico-sanitarie, anche con analisi”. 
I genitori, mai combattivi e determinati come in questo caso, chiedono anche che si visualizzi il capitolato d’appalto poiché a loro avviso “ci sarebbero delle irregolarità”. 
GINOSA Una piccola delegazione si è recata in Comune per chiedere spiegazioni.
Nella stessa scheda per segnalazioni e suggerimenti del Comune di Ginosa si chiede inoltre di modificare le quote di contribuzione alla mensa, fissate in base all’indicatore di situazione economica equivalente (ISEE). 
I più accorti hanno da tempo notato che l’indicatore risulta alquanto fallace nel cogliere l’effettivo tenore di vita dei contribuenti. 
Per questo propongono di passare dalle quattro fasce di reddito ad una fascia unica che suddivida equamente tra tutti il costo delle mense scolastiche. 
Il problema infatti è che gli esenti o i contribuenti parziali sono troppi rendendo antieconomica la gestione delle mense scolastiche da parte della Mammillaria. Una organizzazione non lucrativa (onlus) a cui i genitori non vogliono in alcun modo rinunciare. anche per gli aspetti sociali ed economici che la onlus racchiude in sé. 
Le agevolazioni" aggiungono "dovrebbero essere destinate esclusivamente alle famiglie con più di un figlio ad usufruire del servizio mensa". 
Insomma, un notevole esempio di riappropriazione di una funzione di controllo dell'operato di dirigenti e politica che sembrava ormai sopita da tempo. 
Sempreché questa protesta sia accolta, e non naufraghi fra codicilli, regolamenti e cattiva volontà. 
Domenica mattina 21 febbraio alle 11:00 davanti al plesso Lombardo Radice il cons. reg. Marco Galante incontrerà i genitori, condividendo le loro preoccupazioni. Un ulteriore incontro è previsto invece lunedì prossimo in Piazza Nusco alle 19:30.
GINOSA La "Lombardo Radice", una delle prime scuole ad avviare il tempo pieno.