DIGITA LA TUA MAIL QUI PER GLI AGGIORNAMENTI

lunedì 18 giugno 2018

FUORI DALLA GIUNTA L'ASS. AL BILANCIO TARANTINI. IL SINDACO: "VENUTO MENO IL RAPPORTO FIDUCIARIO".

GINOSA Giunta e consiglieri 5 stelle nell'agosto del 2016.

QUOTIDIANO DI PUGLIA 16 GIUGNO 2018

di Nicola NATALE

Fuori dalla giunta l’assessore al bilancio Vincenzo Tarantini. Dei dissapori tra il sindaco Vito Parisi e l’assessore al bilancio si sapeva da tempo. 
Voci certo, mai uscite fuori dal recinto delle illazioni e dei gossip, che però avevano trovato una prima conferma nel pesante cambio di deleghe attuato a gennaio del 2018. 
Vincenzo Tarantini,
vicesindaco dal giugno 2016 al gennaio 2018,
assessore al bilancio dal giugno 2016 al giugno 2018
L’allora vicesindaco dott. Vincenzo Tarantini era arrivato in giunta nel giugno del 2016 forte di 614 voti di preferenza, secondo solo all’avv. Antonella Rizzi, attuale presidente del Consiglio Comunale (789 voti). Pertanto, a tutta ragione, aveva richiesto ed ottenuto il ruolo di vicesindaco e assessore al bilancio. 
Una delega che accentrava competenze decisive. 
Ma già dai primi tempi lo stile di sindaco e vicesindaco non avrebbe potuto essere più diverso. 
Conciliante, decisamente diplomatico quello del primo cittadino, deciso, tranciante quello di Vincenzo Tarantini con in più un’altra caratteristica decisamente non utile per un politico, sia pure 2.0: l’abitudine a dire apertamente la sua sui social, rinunciando al riserbo istituzionale che, secondo alcuni, avrebbe dovuto contraddistinguerlo. 
Una verve che pure in Consiglio comunale era stata estremamente contenuta durante la presentazione dei provvedimenti di bilancio posti in approvazione, fatte salve le inevitabili schermaglie con l’opposizione.
Queste le dichiarazioni rilasciate dal sindaco Parisi attraverso il suo staff: “A seguito di divergenze in merito agli obiettivi politico-programmatici da realizzare nell’ambito del programma amministrativo per il quale i cittadini ci hanno dato mandato di Governo della Città, nonché sul metodo di conduzione dell'attività amministrativa più in generale, è venuto irrimediabilmente a mancare il necessario rapporto fiduciario con l’Assessore Tarantini”. 
Per questo motivo” continua il sindaco di Ginosa “dopo un confronto avvenuto con il Dott. Tarantini nei giorni scorsi e dopo aver rappresentato il tutto in totale trasparenza al gruppo consiliare di maggioranza, nella giornata di oggi ho firmato il provvedimento di revoca dell’incarico”. 
Un provvedimento di revoca per cui “nei prossimi giorni verranno resi noti gli sviluppi in merito alle deleghe revocate”. 
Quindi passaggio politico interno fatto, salvo l’obbligo formale a mente dell’art. 4 del testo unico degli enti locali di “darne motivata comunicazione al Consiglio”
Restano sul tappeto tutte le domande su cosa ha fatto venire a mancare il rapporto fiduciario tra Parisi e Tarantini. 
Come del resto non è chiaro su quale obiettivo politico-programmatico i due non concordassero. 
Finora votazioni, discussioni e decisioni cruciali non avevano travalicato in nessun modo i limiti dei meet-up, fatti salvi gli episodi di fuoriuscita di due membri del circolo ginosino e di spaccatura con la componente marinese. 
Nè il primo cittadino, né l’ex assessore, contattati via messenger, hanno voluto aggiungere altro ad una notizia già dirompente in sè, ma che è passaggio non certo raro in giunte di ogni colore. 
Restano però senza rappresentanza quei voti che avevano premiato Tarantini, mentre i “like” espliciti di gradimento alla scelta del sindaco sono 29 qualche ora dopo la diffusione della notizia. 
Un termometro non indifferente nella piazza politica pesantemente influenzata dalla piazza virtuale. 
Silenzio per ora anche dalle altre forze politiche mentre è già partito il toto-assessore, che dovrebbe imprimere una svolta ad un’azione politica che possa ridare smalto alla giunta Parisi.
QUOTIDIANO DI PUGLIA Edizione di Taranto 16 giugno 2018*
Nel titolo dell'articolo la funzione di "vice" si riferisce al precedente ruolo di vicesindaco
 ricoperto dall'ass. Tarantini. Ruolo revocato già a gennaio del 2018.
L'attuale composizione della giunta annovera anche l'arch. Emiliana Bitetti.