DIGITA LA TUA MAIL QUI PER GLI AGGIORNAMENTI

giovedì 11 maggio 2017

EX STABILIMENTO MIROGLIO: IL COMUNE NON CEDE LA PROPRIETA'. Prima un parere legale.

GINOSA - Agro di Girifalco - Logistic & Trade
Cassoni contenenti la plastica differenziata proveniente da diverse regioni.

QUOTIDIANO DI PUGLIA 11 MAGGIO 2017*

di Nicola NATALE


La Logistic & Trade, azienda specializzata in imballaggi plastici, preme per ottenere il trasferimento di proprietà di metà dello stabilimento ex Miroglio, ma il Comune frena e chiede un parere legale. 
Dopo l’incontro con Aurelio Vitiello della Logistic del 27 aprile scorso non ci fu nessuna comunicazione da parte dell’amministrazione ma ieri, con una delibera di giunta, si è deciso di affidare l’incarico ad un legale. 
Sarà l’avv. Valeria Pellegrino ad esprimere un parere che per i 5 Stelle ha valore di “assistenza stragiudiziale e di difesa degli interessi dell’Ente”. 
Un parere acquisito al costo di 2.920 euro prescindendo dalla lista breve degli avvocati istituita dal commissario prefettizio nel 2015.
Ciò in ragione “della particolarità della fattispecie e della rilevanza e delicatezza della questione che coinvolge la sana gestione del patrimonio comunale e la tutela dei lavoratori”. 
La Logistic aveva preannunciato una battaglia legale nel caso di rifiuto dell’Ente di cedere la proprietà come previsto dagli accordi stipulati a livello ministeriale e regionale oltreché sindacale. 
Ma se a prima vista la delibera può sembrare un ulteriore ostacolo al progetto Logistic & Trade, in alcuni ambienti della Logistic viene interpretata “come  passo necessario ad evitare il contenzioso”. 
Un atto che in caso di parere positivo solleva l’amministrazione Parisi da ogni responsabilità politica, amministrativa e contabile in merito al fatto di aver affidato un consistente bene ormai comunale, ad una singola impresa. 
QUOTIDIANO DI PUGLIA 11 MAGGIO 2017
Edizione di Taranto pag. 19
Un affidamento avvenuto  dopo un percorso ad ostacoli compiuto in maggior parte dagli ex operai della Filatura e Tessitura di Puglia del gruppo Miroglio spa in accordo con i sindacati e l’esame di una varietà di altre proposte di investimento.
Confindustria Taranto ritiene il progetto Logistic & Trade “uno dei più avanzati centri europei per la selezione e valorizzazione dei rifiuti plastici provenienti dalla raccolta differenziata”. 
La proprietà è considerata fondamentale da uno dei consulenti dello stabilimento “per ottenere l’autorizzazione all’installazione di un impianto fotovoltaico e procedere alla seconda parte del progetto” che consiste nel trattare i rifiuti plastici selezionati in modo da ottenere granuli per la creazione di nuovi prodotti plastici.
Al centro di tutto c’è un nuovo investimento annunciato di 13,5 milioni di euro e la necessità per la Logistic di patrimonializzarsi. 
Al momento gli assunti sono 72, con la necessità di assumere per 6-7 mesi altri 10 o 15 addetti.
Questi ultimi dovrebbero essere presi dal bacino dei rimanenti 72 ex dipendenti della Miroglio, anche se gli accordi in precedenza parlavano di contratti a tempo indeterminato.
Rimane in stand by il destino della ex Filatura di Castellaneta per il quale gli ex miroglini avevano lanciato un sollecito al presidente Michele Emiliano.
GINOSA Logistic & Trade.
Granuli per ottenere nuovi imballaggi plastici. La produzione di granuli è l'obiettivo della seconda parte del progetto scelto dal Ministero, Sindacati, Regione Puglia e Comune di Ginosa per la riconversione dello stabilimento "Filatura e Tessitura di Puglia" del gruppo Miroglio.

* versione integrale