DIGITA LA TUA MAIL QUI PER GLI AGGIORNAMENTI

lunedì 24 aprile 2017

BILANCIO 2017 APPROVATO MA RESTA L’IMU SU AREE NON EDIFICABILI.


GINOSA La seduta di approvazione del bilancio di previsione 201-2019.

QUOTIDIANO DI PUGLIA 23 APRILE 2017

di Nicola NATALE

GINOSA - Seduta lunghissima, con bilancio di previsione 2017- 2019 approvato, ma con difficoltà enormi sul piano delle opere pubbliche. 
GINOSA La visita dell'ass.reg. Loredana Capone 
al cantiere di via Matrice - 6 febbraio 2017
Il cui programma triennale sostanzialmente non varia dal 2014, pur non essendo stato in gran parte realizzato. L’amministrazione 5 stelle annuncia la presenza in bilancio di 2.451.000 euro per il rifacimento delle strade urbane (in condizioni pietose) ma posticipa lo stesso all’adeguamento della rete idrico-fognante e della pubblica illuminazione. Adeguamento che partirà “solo nei primi mesi del 2018 per quanto riguarda i lavori di Acquedotto Pugliese che impegneranno 14 milioni di euro di fondi europei”. 
Nel frattempo sono partiti i lavori di scarifica delle buche, ma non si sa precisamente quando verranno rattoppate (a regola d’arte) almeno le cavità più pericolose che continuano a generare contenziosi pesanti. 
Vibranti le proteste dell’opposizione rappresentata da Forza Italia, Pd e Lista Inglese a una relazione da parte dell’assessore al ramo Nicola Piccenna (M5S) considerata insufficiente e generica.
Dr. Francesco Pizzulli,
consigliere comunale (pd)
Per il cons. Francesco Pizzulli (pd) “in dieci mesi ci saremmo aspettati un minimo di progettualità” mentre l’ex sindaco De Palma sottolinea come finora “non si sia intercettato nessun finanziamento”. 
Il sindaco Vito Parisi ha però ribattuto che le opere pubbliche sono subordinate, anche per il loro posizionamento, all’approvazione del nuovo piano urbanistico generale. 
Intanto il vigente Piano regolatore è ancora mancante degli adeguamenti imposti dalla sentenza del Consiglio di Stato del 2014 che ne decretò l’annullamento e la necessaria ri-approvazione. 
Una vicenda complessa che ha avuto pesanti strascichi nella vita di alcune imprese edilizie interessate dalla non liceità dei permessi ottenuti. 
Ad ogni modo i nuovi lavori di potenziamento della rete idrico fognante dovrebbero risolvere molti problemi in aree sprovviste di Marina di Ginosa (alcune traverse di viale Italia) e delle zone Pescarella e Monreale di Ginosa come annunciato dal cons. com. Nunzio Ricciardi e dal tecnico comunale ing. Giovanni Zigrino. 
Lo stesso dirigente, nel corso della seduta, ha messo in chiaro come i lavori della nuova scuola materna di Marina di Ginosa non sono mai partiti per rinuncia dell’azienda vincitrice della gara e contestuale riduzione del fabbisogno di aule accertato dal commissario Trematerra.
E’ saltata anche la riduzione o l’annullamento dell’Imu per le aree edificabili, prive di piano particolareggiato e gravate dai vincoli del piano di assetto idrogeologico dell’Autorità di Bacino. Circostanza che ha provocato un aspro scontro in Consiglio proprio durante la discussione per le modifiche al regolamento dell’imposta unica sugli immobili che lo avrebbe dovuto consentire.
Naturalmente il pezzo forte era l’approvazione del bilancio.
GINOSA Palazzo municipale. Soddisfazione dei 5 stelle dopo il primo bilancio approvato.

Per la prima volta siamo stati liberi di determinare su quali capitoli stanziare più risorse” ha detto il vicesindaco Vincenzo Tarantini.
E nel primo bilancio a 5 stelle “c’è una revisione dell’indebitamento e la destinazione degli introiti da rottamazione delle cartelle al pagamento dei fornitori in modo da migliorare i tempi medi”. 
Una misura diretta quindi a chi lavora con il Comune e con appalti pubblici.
Nel frattempo l’amministrazione ha deciso che pagando 20 annualità di passo carrabile in un’unica soluzione “ci si potrà liberare per sempre dal pagamento della stessa”. 
Sul tema spinoso della pubblica illuminazione carente o del tutto mancante in molte vie si sono annunciati 2,4 milioni di euro per i nuovi corpi illuminanti “senza gravare di un euro le casse comunali ma addirittura liberando risorse”. 
Questa la visione del vicesindaco Tarantini, con delega al bilancio, attività produttive e personale che si è detto “orgoglioso del lavoro svolto dagli assessori e dai consiglieri”.
QUOTIDIANO DI PUGLIA 23 APRILE 2017
Edizione di Taranto pag. 26