DIGITA LA TUA MAIL QUI PER GLI AGGIORNAMENTI

martedì 27 ottobre 2015

LATERZA, CERAMICA RENAISSANCE. In mostra i manufatti di "Made in loco".

La mostra di Jasmine Pignatelli alla Galleria Nazionale di Arte moderna e contemporanea di Roma. (giugno 2015)

di Nicola NATALE


Si inaugura stasera (27 ottobre) a Laterza la mostra “Made in loco”. 
L’appuntamento è alle 18:30 presso la sala Cavallerizza del Palazzo Marchesale in piazza Plebiscito
In visione fino al 30 ottobre, quindi per soli quattro giorni, ci saranno tutti i manufatti realizzati dagli studenti del Liceo G.B. Vico con la guida e l’ispirazione dell’artista Jasmine Pignatelli. 
E’ la fase finale di un progetto regionale finanziato con fondi europei destinato al patrimonio immateriale ed alla valorizzazione turistica del territorio. 
Non si poteva che partire dalla ceramica, attività che in loco raggiunse il suo massimo fulgore tra il 1500 ed il 1700. 
Una delle fasi del progetto "Made in loco"
In un mese di sua residenza a Laterza, la Pignatelli ha non solo creato le opere con i ragazzi, ma ha anche partecipato ad incontri con gli artigiani del luogo che ridanno vita all’arte della maiolica. 
Il progetto prevedeva che un’artista (non residente) lavorasse a stretto contatto con gli artigiani di tradizione per scambiarsi differenti tecniche, sensibilità e gusti. 
Il tutto per far rifiorire un artigianato d’eccellenza che si sostituisca, ove possibile, alla produzione industriale, omogenea ma priva di arte. 
Qualcosa che possa avere anche un mercato magari, che possa ricrearlo. 
Le opere realizzate saranno  esposte in maniera permanente nella collezione fissa del nascente Museo delle Ceramiche di Laterza. 
Il Palazzo marchesale di Laterza la cui fondazione risale al 1393, poi ampiamente rimaneggiato. (ph Vittore Scarati)
Un museo su cui l’amministrazione Lopane ha puntato molte delle sue carte, anche perché continua il progetto di risanamento e recupero del Palazzo marchesale.  
L’attuale edificio è l’evoluzione nei secoli di un complesso del 1393 costruito dai feudatari di Laterza per difendersi dagli assalti delle vicine Matera e Castellaneta. 
Non mancheranno video, installazioni ed immagini di questo progetto che unisce capoluoghi e provincia. 
A seguire mercoledì 28 ottobre alle 11 la presentazione della “Swipe story” di Vito Santacesarea e  un ulteriore approfondimento giovedì 29 ottobre, sempre alle 11, su “Ceramiche datate dal XVIII al XIX secolo a Grottaglie e Laterza” a cura di Eugenio Scandale e Gioacchino Tempesta.  
Al centro l'artista Jasmine Pignatelli con alcune studenti del Vico.
Nell’ambito della stessa iniziativa ci sarà “Locating Laterza”, che tradurrà le coordinate geografiche del comune premurgiano in linguaggio Morse, arte di strada, segnali radio e in un video a cura della Pignatelli e di Angelo Mottola. In particolare le coordinate geografiche di Laterza (40° 38’ 0” N /16° 48’ 0” E) saranno trasmesse dall’associazione Radioamatori Italiani sezione I7DQX A. Quaranta di Taranto.http://www.aritaranto.it/ 
All’inaugurazione interverrà anche l’assessore regionale Loredana Capone oltre al sindaco di Laterza, Gianfranco Lopane, Eugenia Vantaggiato, segretario regionale del MiBACT e Iole De Marco, dirigente scolastico.