DIGITA LA TUA MAIL QUI PER GLI AGGIORNAMENTI

giovedì 2 agosto 2012

CASTELLANETA: RIVIVE IL GRANO CAPPELLI. Da Facebook alla tavola.

di Nicola NATALE
Una spiga del famoso grano "senatore Cappelli"
Grano "cappelli" a km 0 in Castellaneta
L’hanno detto e l’hanno fatto: resuscitare la coltivazione del grano “cappelli”. 
Sono i ragazzi di Vivicastellaneta, una redazione su facebook riuscita ad infrangere il muro che separa il virtuale dal reale. 
In questo caso, proporre l’acquisto di grano in vetro per le insalate estive e farina in sacchetti, è stato possibile grazie all’azienda agricola Margherita Terrusi che ne ha curato produzione e mietitura destinandogli 6 ettari. 
La molitura invece è programmata per sabato prossimo in un molino di Altamura. 
Il grano deve il nome al senatore Raffaele Cappelli, autore della riforma agraria che distinse i grani duri da quelli teneri, due specie imparentate ma diverse. 
E’ un frumento  di altissima qualità, molto diffuso nei primi anni del ‘900 ma poi abbandonato per la scarsa resa quantitativa. 
Daniele Lavarra
L’operazione è affascinante perché impegna direttamente la teoria del chilometro zero, cioè del cibo prodotto il più vicino possibile al proprio luogo di residenza, recupera il processo produttivo finito, prova dal basso a sostenere le economie locali e, interpretazione autentica di Daniele Lavarra e  company, “serve a far rivivere sapori antichi e sani”. 
Tutti ormai conosciamo le conseguenze del cibo spazzatura, nonché di conservanti e coloranti. 
Naturalmente sono stati coinvolti anche diversi esercizi commerciali a Castellaneta e Castellaneta Marina che provvederanno a distribuire il prodotto. 
Questo è solo il primo passo di un progetto più ampio – dice Lavarra – che tende da un lato a creare un marchio, dall’altro a costruire una rete di negozi che possano distribuire questi prodotti, è marketing territoriale per i nostri prodotti ed i nostri commercianti”. 
L’operazione  a quanto pare non si esaurisce con il grano e la farina “perché ci sono altri  prodotti su cui vorremmo lavorare”. 
Il tutto sfocerà anche in momento gastronomico-conoscitivi. 
Intanto l’attivissima redazione con “il grano e la farina del loro sacco” saranno presenti con uno stand la sera di domenica 12 Agosto alla 11ª sagra della Far’nedd, che si snoda con bontà tipiche per 2,5 chilometri nel cuore del centro storico castellanetano.
Spiga e chicchi della varietà di frumento "senatore cappelli"

Nessun commento:

Posta un commento