DIGITA LA TUA MAIL QUI PER GLI AGGIORNAMENTI

mercoledì 22 ottobre 2014

CRISI NATUZZI, I SINDACATI: “NON ACCETTEREMO STIPENDI SOTTO LA CASSA INTEGRAZIONE”.


Santeramo in Colle - Lo sciopero del 21 gennaio 2014 indetto per protestare contro gli esuberi e il calo dei salari.
QUOTIDIANO DI PUGLIA 21 OTTOBRE 2014
di Nicola NATALE
Novanta per cento. Questa è stata la partecipazione allo sciopero indetto dai sindacati confederali così come riferita da alcuni rappresentanti aziendali. 
I segretari regionali hanno ribadito la volontà di voler trattare ancora con l’azienda ma sulla base di elementi nuovi. 
Silvano Penna,
segretario regionale fillea cgil
Abbiamo da una parte soldi veri da togliere ai lavoratori, dall’altra chiacchiere sulla riduzione degli sprechi denunciati dai nostri rappresentanti aziendali” dice Silvano Penna segretario regionale della fillea cgil. 
Insomma la volontà di incontrarsi naturalmente c’è ancora e dopo l’ennesima giornata di sciopero davanti ai cancelli arriva la convocazione dell’assessore regionale Leo Caroli, già segretario regionale della cgil di Brindisi. 
Natuzzi ed i sindacati si incontreranno lunedì prossimo, 27 ottobre alle 12 a Bari presso l’assessorato al lavoro per l’ennesima mediazione sui temi scottanti della cassa integrazione (più che in deroga), dei contratti di solidarietà, del demansionamento e del contestuale passaggio di tutti i dipendenti del gruppo al contratto collettivo del legno arredo solo per stare alle questioni principali. 
Natuzzi: lavoratori in presidio presso lo stabilimento di Laterza (Taranto)
Gli stabilimenti pugliesi e lucani della Natuzzi ieri si sono fermati in conseguenza dello sciopero “riuscito benissimo” dicono gli rsu Renzo Mazzone, Franco Passarelli, Antonello Zicari ma che non proseguirà oltre. 
Ma cosa riserva l’immediato futuro? 
Innanzitutto c’è la disponibilità del sindacato a chiudere la questione dell'anticipo c.i.g.s. (cassa integrazione guadagni straordinaria) con l’intervento delle banche e della regione Puglia. 
Poi una valutazione più prudente sui rientri possibili con i contratti di solidarietà. L’azienda aveva parlato su questo stesso giornale di 600 dipendenti, la fillea ne stima al massimo 4-500. 
Resta la questione del demansionamento, la più spinosa da affrontare anche per il sindacato poiché è una contrattazione al contrario. Insomma si lotta non per aumentare i salari ma per fare in modo che non diminuiscano troppo. 
Questo però” aggiunge Penna “non può essere un ricatto o c’è quello o non c’è niente”. 
A complicare il quadro ed a rendere ancora più distanti le posizioni ci sono inoltre i sistemi trovati dall’azienda per ridurre il costo del lavoro: i mancati aumenti contrattuali assorbiti dai superminimi (retribuzione accessoria), la sospensione del contributo per il trasporto ed infine la scomparsa delle pause. 
Per i sindacati la storia è sempre la stessa: “disponibili ad ulteriori sacrifici, ma deve esserci progetto vero che non vediamo, quello di Luglio è cosa vecchia superata dalle stesse azioni messe in campo dall’azienda”. 
Il tema dei prossimi giorni, oltre alla certezza degli investimenti per il rilancio, è quello degli sprechi sui livelli più alti, a partire “dagli 80 dirigenti che configurano la Natuzzi come un’azienda anomala, come nemmeno alla Fiat”. 
I sindacati vogliono che si inizi da lì la revisione della spesa per il costo del lavoro: partendo dai benefit che appaiono sproporzionati. 
Ma poi vogliono scendere all’organizzazione della produzione e degli approvvigionamenti, pellame e parco auto incluso: “ci vuole un segnale da parte aziendale, perché se ci sono difficoltà e ce ne sono, non è detto che dipendano dagli operai”. 
Anche perché conclude Penna “non possiamo assolutamente accettare retribuzioni che scendano al di sotto dell’indennità di cassa integrazione, questo non lo accetteremo mai”.
QUOTIDIANO DI PUGLIA Il paginone dedicato allo sciopero di lunedì scorso.

Nessun commento:

Posta un commento