DIGITA LA TUA MAIL QUI PER GLI AGGIORNAMENTI

martedì 15 luglio 2014

MARINA DI GINOSA, VASCO DAI DIVANI AL LATTE.


Massimo Vasco, al lavoro nel suo nuovo laboratorio
di Nicola NATALE
E’ un segno dei tempi. 
Massimo Vasco, già dipendente Natuzzi dove ha svolto anche attività sindacale, aveva da tempo annunciato le sue dimissioni. 
Ma per fare cosa ancora non si sapeva. 
A quarant’anni non è che sia facile reinventarsi un futuro, anche se si è in uscita da uno dei colossi mondiali nella fabbricazione di divani. 
Invece ieri (lunedì 14 giugno) ha inaugurato un piccolo caseificio realizzato parzialmente con il contributo all’esodo che con tanti dei suo ex colleghi aveva contrattato. Ma anche dando fondo ai risparmi faticosamente accumulati e con l'aiuto di un piccolo finanziamento della banca locale. 
Uno dei momenti della lavorazione del latte.
E poiché le cose ritornano, l’ha fatto anche nel locale che i suoi genitori avevano tenuto aperto per tanto tempo, insegnandogli fin da piccolo uno dei mestieri che sicuramente non tramonta: quello della trasformazione del latte nelle tante meraviglie gastronomiche per cui la Puglia è famosa.
Avrei voluto già alla chiusura dell’attività paterna rilevare il caseificio, ma uno stipendio sicuro, le ferie pagate attiravano…. invece col tempo si sono rivelate per tanti solo uno specchietto per le allodole” ci racconta l'ex dipendente Natuzzi. 
Ora investo su me stesso, sulla mia famiglia e sul territorio, in Puglia si produce un latte buonissimo e mi impegno ad usarlo per una produzione che sono sicuro non deluderà i miei clienti” questo dice Vasco da Marina di Ginosa che punta tutto sull’auto-impresa familiare e sulla trasformazione del prodotto locale.  
Certo la sua non è una soluzione che può essere valida per tutti,  ma la dice lunga sulla necessità di affrontare senza alcuna propaganda politica e con concretezza il tema degli esuberi Natuzzi, soprattutto dopo l’annullamento della cabina di regia che doveva tenersi proprio ieri a Roma. 
Si tratta di ri-configurare una politica di sviluppo che guardi al futuro e non alla gestione dell’esistente.

Nessun commento:

Posta un commento