DIGITA LA TUA MAIL QUI PER GLI AGGIORNAMENTI

lunedì 9 giugno 2014

LATERZA, "FERRARI" CONTRO LA DISABILITA'.


Osmairm, un momento della formazione
di Nicola NATALE
Intensa giornata di formazione all’Osmairm di Laterza  con il prof. Adriano Ferrari. 
Il medico dirige l’unità di riabilitazione delle gravi disabilità infantili dell’età evolutiva all’Arcispedale S. Maria Nuova di Reggio Emilia. 
Il tre giugno scorso Ferrari si è confrontato con un folto gruppo di medici, terapisti ed operatori del settore impegnati nella riabilitazione rilasciando anche qualche dichiarazione in merito all’incidenza delle paralisi cerebrali infantili, definibili come una turba persistente ma non immutabile della postura e del movimento. 
Secondo i dati diffusi, un bambino ogni 500 è affetto da questo disturbo e da grandi “si confronteranno con una difficile costruzione del sé”.
Tetraparesi o diplegie spastiche sono patologie dei paesi con sistemi sanitari avanzati dove “si sopravvive di più, si nasce sempre meno, si alza sempre più l’età delle partorienti ed aumentano esponenzialmente i parti prematuri”. 
Adriano Ferrari, ordinario di neuroscienze
all'Università di Modena e Reggio Emilia
Per Ferrari, ordinario di neuroscienze e medicina fisica e riabilitativa all’Università di Modena e Reggio Emilia “migliorare la qualità di vita dei pazienti e dei loro familiari è possibile, ma occorre un approccio multifunzionale e multidisciplinare ad ogni singolo caso”. Per questo non basta una strategia che miri solo al recupero del movimento ma bisogna ristabilire la relazione con lo spazio e con il mondo più ampia possibile del paziente. 
Bisogna farsi delle domande sul disabile e, se possibile, dare delle risposte collegiali piuttosto che rifarsi esclusivamente a obiettivi standardizzati. 
Le paralisi cerebrali infantili non sono un problema del passato ma sono un problema affrontato con risultati sempre migliori. L’Osmairm di Laterza, grazie all’educazione continua in medicina, diventa custode di conoscenze specifiche, sempre più aggiornate e interconnesse rispetto al mondo della disabilità.
La struttura a pochi passi dalla gravina di Laterza, alla ricerca dell’eccellenza nel trattamento di queste gravi patologie, ha avviato anche dei percorsi miranti alla socializzazione dei pazienti.
Oggi infatti (n.d.r. il 7 giugno scorso), presso il campo sportivo Madonna delle Grazie di Laterza circa 100 atleti disabili provenienti dalle province di Taranto e Bari (team osmairm e team olimpiha di Acquaviva delle Fonti) si affronteranno dalle 9 alle 13 nelle discipline della special olympics.
La nuova sede dell'Osmairm in via Cappuccini a Laterza (Taranto)

Nessun commento:

Posta un commento