DIGITA LA TUA MAIL QUI PER GLI AGGIORNAMENTI

giovedì 26 giugno 2014

FONDI POST ALLUVIONI E CROLLI, “SERVE CABINA DI REGIA, NON PROPAGANDA”.


Ginosa, abitazioni antiche completamente sbriciolate in via burrone
QUOTIDIANO DI PUGLIA 25 GIUGNO 2014
di Nicola NATALE
Alluvioni nel tarantino: si muovono le carte, ma non i fondi. 
Dopo l’impegno preso dal governo a Roma per il tramite dell’on. Graziano Del Rio, sottosegretario alla presidenza del Consiglio e del dott. Mauro Bonaretti, segretario generale della stessa si guarda con apprensione ai massi ed alle macerie di via matrice*. 
I circa venti nuclei familiari sgomberati sono tornati, assumendosene la responsabilità, alle loro case. A non poter tornare ancora sono invece i nuclei che vivevano nel tratto finale di via Matrice. Questo perché in quel tratto sono interrotte tutte le forniture. 
Intanto tra gli effetti collaterali del crollo di via Matrice si deve annoverare la chiusura degli alberghi diffusi e dei bed and breakfast situati nel cuore del centro storico. Una situazione che si fa più pesante con lo scorrere inesorabili dei mesi, mentre c’è già chi parla di anni per rimettere in sesto i circa venti metri crollati di via Matrice. 
Si tratta, è bene ribadirlo, di un crollo che non interessa la gravina di Ginosa che risulta in massima parte ancora percorribile, pur avendo ben note criticità ormai denunciate da anni. 
“L’emanazione del decreto ministeriale” però non significa vedere già le imprese al lavoro tra via burrone e via matrice, le due vie interessate in maniera massiccia dal crollo. 
Ci si dovrà assicurare che l’ordinanza (o il decreto ministeriale come specificato nella nota dell’amministrazione comunale) abbia copertura finanziaria: in altre parole che ci siano i soldi. 
E’ questa una delle ragioni che ha fatto impantanare i primi 7 milioni di euro destinati all’emergenza post alluvione del 7 ed 8 Dicembre. 
Raffaele Calabrese (scelta civica)
A far chiarezza sul punto è stato l’ing. Raffaele Calabrese che ha ribadito come quei fondi siano stati trovati grazie all’interessamento del sottosegretario all’economia Enrico Zanetti e dell’on. Salvatore Matarrese. 
Metà di quei sette milioni sono accreditati nella contabilità speciale della regione Puglia (n°5792) e solo lo scadere nel frattempo della ordinanza dello stato d’emergenza di emergenza ora prorogata li ha tenuti fermi” dice Calabrese. Sono soldi indispensabili per consentire al Comune di Ginosa oltre a Laterza e Castellaneta di rifarsi delle spese anticipate per pagare i lavori in somma urgenza. Ma anche per iniziare ad affrontare il rifacimento delle tante strade comunali rese impraticabili dall’alluvione, come ad esempio quella di contrada cignano. 
Per Calabrese la nascita di tanti comitati “significa solo disgregazione, mentre si dovrebbe fare una battaglia tutti uniti per fare in modo che i fondi si trasformino in opere per la salvaguardia del territorio”. 
Il rischio è quello che già l’on. Salvatore Matarrese aveva paventato: “ci sono i fondi per il dissesto idrogeologico, ma non abbiamo progetti seri e cantierabili”. “Noi saremo un pungolo rispetto a questi progetti” ribadisce l’ex assessore “ma è necessaria una cabina di regia tra governo, regione Puglia e comuni interessati, altrimenti si rischia di parlare a vuoto e perdere tempo prezioso”. 
Si tratta di fare presto e bene, senza sprechi: concetti difficilmente accostabili alle opere pubbliche di questi ultimi tempi.
* le misure attese relative alle piogge alluvionali cui è stato associato il crollo di via matrice-via burrone dopo essere stata approvate dalla Camera e dal Senato dovrebbero essere approvate domani 27 giugno in via definitiva dalla presidenza del Consiglio come ordinanza.
QUOTIDIANO DI PUGLIA
A cinque mesi dal crollo di via Matrice del 21 gen 2014, a sette dall'alluvione ottobre 2013

Nessun commento:

Posta un commento