DIGITA LA TUA MAIL QUI PER GLI AGGIORNAMENTI

lunedì 12 maggio 2014

CASTELLANETA: DODI BATTAGLIA DEI POOH ALL’OSPEDALE.

La visita di Dodi Battaglia al reparto oncologia di Castellaneta (Ta)

QUOTIDIANO DI PUGLIA 9 MAGGIO 2014
di Nicola NATALE
Un tempo negli ospedali facevano visita gli assessori regionali, i presidenti, i direttori generali. 
Ieri mattina  (8 maggio) invece all’ospedale di Castellaneta è arrivato Dodi Battaglia, il chitarrista e cantante dei Pooh su invito dell’associazione Echèo, attivissima nel campo dell’assistenza ai malati oncologici. 
Da sx Battaglia e il dr. Antonio Rinaldi,
responsabile del reparto oncologico dell''Ospedale di Castellaneta
Il musicista bolognese ha affermato di amare molto la Puglia, di “venire spesso a Taranto per dei seminari” e infine di aver stretto amicizia con alcuni amici di Castellaneta che gli hanno proposto di visitare uno dei reparti più attivi dell’ospedale. 
Battaglia è rimasto favorevolmente impressionato da quanto ha visto: “ho visto una roba veramente bella, strutturata, organizzata, con persone molto motivate, che collaborano molto bene assieme, la conditio sine qua non per portare avanti questo tipo di strutture”. 
Il musicista ha detto di aver visitato molte di queste strutture e aver trovato il reparto di Oncologia persino meglio di alcuni reparti posizionati in città più grandi come Milano o altre. 
Il 6 aprile scorso il dr. Antonio Rinaldi, responsabile del reparto è stato premiato con “la spina di Cristo” dalla pro loco nella cattedrale di Castellaneta “per il suo sacrificio e per l’abnegazione”.
Ma nonostante gli innegabili risultati conseguiti grazie alla sua gestione, l’esistenza stessa del reparto sarebbe in pericolo secondo una dichiarazione dell’associazione Echèo di Palagiano di qualche tempo fa. 
 E questo nonostante il dialogo collaborante con la direzione generale della asl di Taranto che pure ha dovuto interrompere l’attività di reparti strategici per un ospedale come la cardiologia. 
Ieri l’assessore regionale alla sanità Elena Gentile ha promesso la riapertura della rianimazione come riferito dal sindaco di Laterza Gianfranco Lopane.
Ma il tutto si scontra come è noto con i pesanti tagli al bilancio regionale in materia di fondi per la sanità per cui anche da Echeo non sperano molto nell’aumento delle dotazioni e del personale del reparto oncologia. 
Nel frattempo però i malati oncologici continuano ad aumentare e l’associazione Echeo oltre a fornire assistenza psicologica a chi si ammala di tumore, ha anche pagato con propri fondi per un anno e mezzo un “data manager”. 
Nel caso di specie una biologa che si è occupata di ottimizzare l’uso di farmaci sperimentali in modo da ottenere un risparmio pari a 250mila euro per l’asl. Figure del genere dicono dall’associazione dovrebbero essere stabilmente inserite in pianta organica. 
Intanto però dal fronte nazionale (finalmente) c’è una buona notizia. Secondo Vasco Errani, presidente della conferenza stato-regioni “non dovrebbero esserci tagli alla sanità nel 2014”.
L'articolo del Quotidiano di Puglia sul reparto oncologico di Castellaneta (Ta)

Nessun commento:

Posta un commento