DIGITA LA TUA MAIL QUI PER GLI AGGIORNAMENTI

domenica 18 maggio 2014

A LATERZA 200 PEZZI IN MOSTRA NELL’ANTICA SPEZIERIA.


Un laboratorio per la creazione di manufatti in maiolica a Laterza (ph Diego Marra)

QUOTIDIANO DI PUGLIA 18 MAGGIO 2014
di Nicola NATALE
Recuperare la manualità, puntare sulla ceramica maiolica. 
Laterza punta molto su questi due obiettivi e lo conferma l’evento in programma alle ventuno di questa sera: l’allestimento di un’antica spezieria nella sala della cavallerizza presso il palazzo marchesale. 
La locandina dell'evento
Si tratta di manufatti realizzati a Laterza da numerosi artisti locali sulla spinta del progetto realizzato dall’associazione “studio e ricerca storica sulle maioliche in Terra d’Otranto” e a cui hanno partecipato regione Puglia, comune di Laterza e gruppo di azione locale “luoghi del mito”. 
Sono ben duecento i pezzi che saranno esposti, ricreando in pieno quindi l’ambiente di una spezieria, quindi una “farmacia” per come si poteva presentare tra il 1500 ed il 1600, un “vero e proprio monumento storico”. 
A cimentarsi nella decorazione di albarelli, idrie, unguentari, cucume, pilloliere e versatoi sono stati Livia Del Tufo, Denise Galante, Raffaele Manzoli, Maria Matera, Antonella Ripa. 
Lina Marilli in particolare ha messo a disposizione il suo laboratorio per tutto il periodo di realizzazione del progetto, mentre Alfredo Marilli e Rocco Marilli hanno messo a frutto la loro abilità al tornio, l’attrezzo sul quale la maiolica viene plasmata. 
Il progetto dell’“antica spezieria” si è avvalso anche dell’esperienza di un caposcuola come Vincenzo Passarelli e di un torniante come Michele Casarola, maestro nella lavorazione al tornio. L’allestimento sarà completato anche con una zona alchemica nella quale si mostrerà come venivano ottenuti alcuni dei medicamenti più comuni all’epoca delle spezierie. 
Paola Parri ceramiche
Per Felice De Vietro, presidente di asrs maiolica “l’intero progetto mira non solo a illuminare come merita la tradizione della maiolica, ma anche a spingere i nuovi artisti verso nuove forme espressive”. Non sarebbe male che i giovani in particolare si cimentassero “con forme più consone al gusto contemporaneo, perché questa via può assicurargli un mercato”. 
La reinterpretazione della maiolica
laertina (Myolica by chiave di volta)
Con nuove forme e nuovi colori” conclude De Vietro “possiamo uscire dal vecchio stile, assicurando al contempo il travaso d’esperienza dai giovani agli anziani”. L’allestimento sarà presente a Laterza dal 18 maggio al 31 luglio 2014, arricchito da due momenti interessanti, concentrati però a luglio, a beneficio dei turisti. 
Nei  giovedì dal 20 al 31 luglio i visitatori potranno realizzare con l’aiuto dei ceramisti una loro piccola opera, mentre tre serate nello stesso mese riproporranno la pasticceria in uso nel 1600. 
Stasera alle diciotto non mancherà un convegno di presentazione “la ceramica e le identità locali” moderato da Michele Cristella nel quale è stata annunciata non solo la presenza dell’ass. reg. all’agricoltura Fabrizio Nardoni, del sindaco Gianfranco Lopane  e di Paolo Nigro presidente del gal ma anche una nutrita schiera di interventi (Antonio Prota, Rossano Brescia, Roberto Barberio, Antonio La Grotta, Cosimo Sallustio, Raffaele Dimitri, Raffaella Bongermino, Sebastiano Giannico, Guido Donatone). 
L’evento infatti è programmato nell’ambito del fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale e mira esplicitamente a “valorizzare le eccellenze artigianali locali per promuovere lo sviluppo del territorio”.
L'articolo del Quotidiano di Puglia - antica spezieria

Nessun commento:

Posta un commento