DIGITA LA TUA MAIL QUI PER GLI AGGIORNAMENTI

domenica 20 aprile 2014

LASCIA INTERDETTI LA NEUROPSICOARTE DI PACILIO. MA E’ ORIGINALISSIMA. Al palazzo Perrone fino al 2 maggio.


Alfredo Pacilio, artista ed arteterapeuta
durante un'esperienza di neuropsicoarte
QUOTIDIANO DI PUGLIA 20 APRILE 2014
di Nicola NATALE
I ragazzi di Locomotiva l’hanno combinata grossa.
Ospitare a palazzo Perrone a Ginosa un percorso di neuropsicoarte di Alfredo Pacilio è una sfida diretta alla comune concezione dell’arte.
Del resto lo hanno detto esplicitamente di voler fare “inquinamento artistico”. Innanzitutto bisogna dire che questo artista e arteterapeuta con radici a Lecce ed esperienze e vissuto internazionale, lavora da più di dieci anni ad elaborare la sua originalissima forma di studio e decostruzione delle nostre sensazioni più intime, dei nostri riflessi più elementari. 
In altre parole tradurre esperimenti neuroscientifici e psicologici in esperienze d’arte. 
Ci si sente un po’ cavie, ma ci si apre ad una esperienza che ha pochi riscontri (almeno oggi e nei nostri contesti). 
Con un’occhiata al futuro quando “con gli sviluppi della rTMS (stimolazione magnetica transcranica ripetitiva) si potranno creare delle reti neurali assolutamente diverse da quelle geneticamente programmate”. 
Le cabine, ora nere, che si visitano in maniera guidata servono a farci percepire in maniera distinta la nostra volontà, l’attenzione, l’autoconsapevolezza in una maniera che difficilmente ci si può aspettare. Anche da chi è ormai avvezzo ai messaggi provocatori dell’arte moderna. 
Anzi, Pacilio precisa che non vuole lanciare nessun messaggio ma fare in modo che le esperienze d’arte che derivano siano “autocreazioni della mente”. 
La sua arte fonde neuroscienza, psicologia e psichiatria proprio per “giocare” con le nostre sensazioni e le nostre paure. 
Capire i messaggi posti all’inizio di ogni perfomance (che unisce la tecnologia dei miniproiettori e riproduttori a mezzi assolutamente archetipici come  la sedia o un cerchione di bicicletta) è un’impresa per chi non mastica scienze psicologiche. 
Anche perché nel frattempo ci si chiede, con una certa preoccupazione,  cosa si svolga nelle cabine. E’ un’esperienza piacevole, e solo a tratti inquietante. 
Qualcuna di queste performance vorrebbe risvegliare problemi “filosofici”. 
I primi a fare l’incontro con il singolare percorso artistico/scientifico di Pacilio sono stati i messicani. Nella galleria Apeiron di Cancun nel 2004 ci furono le prime installazioni dove a realizzare  l’opera è di fatto non solo l’autore ma soprattutto il visitatore, il fruitore. 
Il quale interagisce direttamente con scene raccapriccianti senza che queste possano turbarlo oppure sentire buoni odori associati a sensazioni tattili contrastanti.


ARTE INSTABILE A GINOSA
Giuseppe Taccardi (opera di)
La “poetica” di Pacilio è visibile al primo piano di palazzo Perrone in corso v.emanuele a Ginosa dal 17 aprile al 2 maggio dalle 10 alle 12 e dalle 18 alle 21 escluso il giorno di Pasquetta. 
E’ accompagnata da una mostra fotografica sviluppata sulla base di un tema sonoro da diversi artisti/fotografi e da una personale di Giuseppe Taccardi, giovanissimo artista nato a Matera nel 1998.
Taccardi utilizza china, pastelli, acquerello ma si è già diretto verso lo studio del dipinto con colori acrilici. 
Notevole una sua opera che mostra uomini senza volto identificati da un codice a barre, quindi merci, e da lontano una piramide sormontata da un’occhio divino. 
Non c’è che dire, le vie dell’arte contemporanea si sono aperte anche a Ginosa grazie a Locomotiva, associazione che non percepisce contributi pubblici ed ha denominato il trittico di mostre e poetica “arte instabile”.

Nessun commento:

Posta un commento