DIGITA LA TUA MAIL QUI PER GLI AGGIORNAMENTI

martedì 1 aprile 2014

I° MAGGIO DAVANTI AI CANCELLI. A LOTTARE PER IL LAVORO CHE NON C’E’.


Lo striscione affisso allo stabilimento di
recente divenuto proprietà comunale
QUOTIDIANO DI PUGLIA 1° APRILE 2014
di Nicola NATALE
Festeggiare il primo maggio davanti ai cancelli della ex “miroglio”.
Questo è quanto hanno in mente il gruppo di centottanta ex operai che non si rassegnano ad un futuro di disoccupazione. 
Per questo Giuseppe Massafra segretario provinciale fillea cgil e Domenico Giannuzzi hanno voluto chiedere la presenza dell’assessore regionale al lavoro Leo Caroli. L’assessore non ha escluso di esserci dicendosi “fiducioso”. Di recente la questione dello stabilimento è salita alla ribalta per via del video girato da net-uno, una web-tv locale, con il quale attivamente si ricercano uno o più imprenditori declinando una ad una le tante caratteristiche positive dello stabilimento di contrada girifalco. (http://www.youtube.com/watch?v=VJUpT7AsNp8)
Una portaerei da 55mila metri quadri che però all’occorrenza potrebbe anche essere parcellizzata. Sempre però con l’avallo del Comune di Ginosa a cui nel frattempo il gruppo tessile ha ceduto la proprietà dello stabilimento. 
L’assessorato al momento sembra sempre più concentrato sulle due-tre richieste di investimento che avrebbero i requisiti per insediarsi. 
Ciò in vista dell’incontro romano al ministero dello sviluppo, poiché va detto che nei quattro anni dalla chiusura dello stabilimento la vertenza non è mai stata archiviata come insolubile dai funzionari di via Molise.
I miroglini però vogliono arrivare all’appuntamento di aprile con lo stabilimento di Castellaneta acquisito al patrimonio comunale a costo zero alla stessa maniera di quanto avvenuto a Ginosa. 
L'articolo del Quotidiano di Puglia
1° Aprile 2014
Va ricordato infatti che a Castellaneta, distante 22 chilometri da Ginosa, il gruppo tessile insediò la filatura in uno stabilimento la cui attività però si fermò ben prima del polo ginosino.
Per questo non esitano a premere sull’amministrazione castellanetana che a più riprese si è detta disponibile ad avviare le procedure di acquisizione. 
Peraltro il comune di Castellaneta aveva già firmato un accordo in tal senso nell’aprile di un anon fa prima che il progetto Q.bell andasse a monte.
Intanto il video sarà diffuso anche da un’agenzia di Amsterdam su millecinquecento canali stranieri secondo la stessa web tv che l’ha realizzato. 
Si tratta quindi dell’ennesimo tentativo di riportare in vita l'industria  a Ginosa non è quasi mai riuscita ad attecchire ed a creare altre aziende da in grado di evolversi. 
Tuttavia ora bisogna far presto anche perché l’indennità di mobilità percepita è in scadenza. Per la maggior parte di loro resta solo un anno Ed in questo anno quindi gli investitori seri, affidabili bisogna trovarli, anche all’estero.
ps il 14 ed il 16 aprile il Comune di Castellaneta accetterà formalmente in Consiglio comunale la cessione a titolo gratuito dello stabilimento ex filatura di Castellaneta e due giorni dopo il sindaco Gugliotti (o suo delegato) andrà dal notaio a stipulare l'atto.

Nessun commento:

Posta un commento