DIGITA LA TUA MAIL QUI PER GLI AGGIORNAMENTI

giovedì 24 aprile 2014

CASTELLANETA / INCHIOSTRO DI PUGLIA, IL BLOG RIVELAZIONE SULLA LETTERATURA PUGLIESE.


Il sud é un apecar di Giuliano Pavone
(uno dei brani pubblicati su Inchiostro di Puglia)
di Nicola Natale
Far emergere letterariamente la Puglia. 
E’ quanto si sono proposti Michele Galgano e Marilia Fico curando un blog dal nome “inchiostro di Puglia” nel quale  pubblicano da quattro mesi (ogni lunedì) brani inediti di autori pugliesi. Alla grafica ed al logo ci ha pensato Tiberio Ludovico.
Il fine manifesto “è quello di far conoscere la Puglia anche attraverso i racconti a chi ancora non la conosce e di offrire nuovi punti di vista a chi crede di conoscerla bene”. 
Un ciclo di conferenze ha contribuito nel frattempo a promuovere blog e autori. Ciclo che ha toccato anche Castellaneta martedì scorso (22 aprile) laddove questa idea ha preso forma.
Al caffè letterario nomine rosae si sono incontrati tre autori pugliesi: Davide Simeone di Martina Franca, Nicky Persico di Bari e Cosimo Argentina, tarantino di nascita ma lombardo d’adozione. 
Tutti e tre hanno presentato le loro opere che, pur tratteggiando una Puglia molto diversa, non ne tacciono gli aspetti problematici (in linea comunque con quelli che affliggono l'Italia intera).
Le opere di tre scrittori pugliesi presentate a Castellaneta
Da “Rewind” del 2013 di Simeone dove gli scenari di crisi economica mondiale si fondono con le crisi esistenziali di due trentenni, eternamente votati al precariato a “Spaghetti Paradiso” di Nicky Persico del 2011. 
Nel romanzo dell’avvocato Persico il tema dello stalking e della violenza sulle donne emerge in modo da dare vita ad uno smart thriller, nel senso che non contiene solo “brividi di paura” ma anche “positività, soddisfazione”.
Che è la sensazione che resta secondo l’autore. Tutt’altra storia per Cosimo Argentina (1963) che invece in “Per sempre carnivori” del 2013 dipinge una Puglia truce presa di sana pianta dalla provincia jonica che l'autore ha conosciuto e trasformato in opera letteraria.
Leone Polonia, protagonista della sua opera e insegnante precario "vuole in ogni modo farcela a restare vivo". "E' uno specchio dei tanti sopravvissuti al dolore che danno una risposta sommaria al tema della morte".
Marilia Fico, co-autrice del blog e Renato Nicassio, 
scrittore barese
"Ci sono molti Leone Polonia in giro per il mondo" dice Argentina che massacra letterariamente Ginosa ripetendo a suo modo quanto fece  Nicola Lagioia in “Occidente per principianti” edito da Einaudi per Castellaneta Marina.
Perché la Puglia è sì luogo d’incanto per i turisti, ma anche regione dalle contraddizioni paurose. 
A questo contribuisce quindi "l’inchiostro di Puglia" di Galgano e Fico, a risvegliare l’attenzione su quel capitale immateriale (ma non troppo) che la modernità e le cattive scelte non sono riuscite ad offuscare.
Un capitale fatto non solo di paesaggi, ma anche di una declinazione tutta pugliese su come passare indenni questo primo ventennio post moderno.
Il messaggio è passato in diverse città italiane e Castellaneta é solo l’ultima tappa di un viaggio che ha toccato anche Milano, da sempre terra di arrivo e meta di pugliesi, da Candela a Santa Maria di Leuca.

Nessun commento:

Posta un commento