DIGITA LA TUA MAIL QUI PER GLI AGGIORNAMENTI

sabato 29 marzo 2014

LATERZA AZZERAMENTO GIUNTA. Bordate dal pd e da forza italia.


Leonardo Pugliese,
capogruppo consiliare
pdl-forza italia a Laterza
QUOTIDIANO DI PUGLIA 29 marzo 2014
di Nicola NATALE
Non cessano le reazioni al cambio di giunta disposto dal sindaco Lopane. 
Il capo dell’opposizione Leonardo Pugliese, suo sfidante alle scorse amministrative dopo il quasi decennio dell’attuale consigliere regionale Giuseppe Cristella è tornato a chiederne le dimissioni. 
Per l’esponente del pdl laertino la rimozione del vicesindaco Sebastiano Stano è “una mera vendetta personale e nulla più”. Nella sua requisitoria (anche se Pugliese nella vita fa l’avvocato) l’amministrazione Lopane è “ferma ed inetta” oltre a “curare gli interessi particolari di pochi, per la soddisfazione di qualche dirigente”. 
Il consigliere non si ferma descrivendo un quadro apocalittico della Laterza governata dal centrosinistra. Secondo la sua visione “non solo sono tutti colpiti da manie di persecuzione mentre la comunità va a rotoli ma i rapporti umani si annullano, l’immondenzaio cresce a dismisura, le poche opere in cantiere sono ferme da anni, il contenzioso aumenta e i servizi servono pochi adepti amici degli amici”. 
La nuova giunta Lopane senza il vicesindaco Sebastiano Stano
Insomma un quadro tragico che approfittando delle indubbie difficoltà in seno alla maggioranza dà la carica al popolo di centrodestra sempre legato a Giuseppe Cristella. 
In altre parole lo scarso rendimento per Leonardo Pugliese non è del solo vicesindaco silurato ma del sindaco e dell’intera amministrazione. 
Visione avallata dal consigliere Vito Minei che ci vede anche una “crisi politica, specie del pd che si somma ai già tanti problemi che abbiamo”. Ci sarebbero però “delle sfumature grige che non emergono”. 
Intanto si consuma anche la guerra interna al pd con la segretaria dimissionaria Lucrezia Laforgia che diffonde il duro documento della direzione provinciale del pd con il quale si rileva “l’assoluta insussistenza di motivazioni alla base della decisione unilaterale di azzerare la giunta”. 
Una sconfessione in piena regola delle mosse del giovane sindaco (34 anni) che rileva “la rottura del patto di coalizione che determinò la vittoria del 2011 con il conseguente indebolimento della maggioranza politica e la lacerazione del gruppo consiliare del pd di Laterza”. 
Da via principe amedeo a Taranto, sede della direzione provinciale viene invece un apprezzamento per l’operato di Stano, il cui “demansionamento” di fatti è stato interpretato come una “bocciatura”. 
Per i dirigenti pd Stano è stato vittima due volte, sia per la vicenda del proiettile recapitatogli in busta sia per “l’inaudita contestuale defenestrazione”. 
Tutto questo sfocerà in un’assemblea degli iscritti domenica prossima 30 marzo (seconda convocazione ore 16:30) che certamente non contribuirà a rasserenare le acque. Il sindaco intanto serafico annuncia i corsi di formazione e le visite di controllo per i dipendenti comunali “cosa che non accadeva dal lontano 1997”.
L'articolo del Quotidiano di Puglia

Nessun commento:

Posta un commento