DIGITA LA TUA MAIL QUI PER GLI AGGIORNAMENTI

domenica 9 marzo 2014

8 MARZO SINGOLARE: L'AMMINISTRAZIONE "REGALA" UN CORSO DI AUTODIFESA PER DONNE.


Un corso di autodifesa organizzato dalla regione Lombardia (fonte il giorno-cusa)
di Nicola NATALE
L’amministrazione comunale di Ginosa ha scelto di festeggiare l’8 marzo in maniera decisamente non convenzionale. 
E cioè dando ad alcune ragazze e donne la possibilità di frequentare un corso base di difesa personale. L’idea é partita da varie richieste giunte a Leonardo Di Franco, istruttore di arti marziali ed in special modo di taekwondo. 
Ad innescare la domanda non solo gli episodi di cronaca uditi in tv, ma il timore che tutto possa ripetersi in ambito domestico con violenze private, atti di bullismo o peggio vere e proprie aggressioni mentre si è per strada. Magari mentre si è sole ed indifese. 
Ginosa, il palazzetto comunale dello sport
e la sede della società sportiva club one
L’iniziativa partirà a maggio presso il locale palazzetto dello sport in convenzione con la società sportiva dilettantistica club one. 
Le prime 40 ragazze e donne che ne faranno richiesta saranno ammesse a frequentare il corso. Corso che sarà replicato in caso di alta affluenza. 
Per partecipare si dovrà compilare un modulo scaricabile dal sito ufficiale del comune di prossima pubblicazione in aprile. 
Il corso ha detto Di Franco “mira non solo ad aumentare le capacità motorie e difensive, ma anche ad aumentare la sicurezza psicologica, consentendo di sventare già alle prime intemperanze verbali un’ipotetica aggressione”. 
Certo, “quattro appuntamenti non consentiranno di trasformare le donne in campionesse” ma gli daranno i rudimenti base di autodifesa, preziosissimi in caso di aggressione e consentirà loro di conoscere meglio il mondo delle arti marziali.
A presentare l’iniziativa ieri, presso la sala consiliare, la stessa Sara Di Taranto, consigliere comunale con delega alle pari opportunità, il sindaco Vito De Palma ed i consiglieri Giovanni Perniola e Stefano Notarangelo.
Di Taranto ha sottolineato “il valore delle donne in politica, della loro sensibilità” ricordando suor Francesca ora in missione, Maria Aimè, storica primo consigliere comunale donna, la indimenticata preside Maria Giannini, Maria Carmela Bonelli, Tina Matarrese, Francesca Leccese, Lisa D’Amelio e le giornaliste Antonella De Biasi e Marilena Surdo.
Quindi con un’attenzione soprattutto a chi “qui e ora” porta il suo tocco di donna nei più svariati ambiti della vita sociale e politica locale.
Ginosa- sala consiliare 8 marzo 2014. La presentazione del corso di difesa personale femminile.
Il sindaco dal canto suo ha voluto sottolineare non solo il valore della proposta del club one fuori “dai luoghi comuni e da ipocrisie” ma anche che per le donne “non bisogna costruire recinti, ma perseguire la parità di genere attraverso meccanismi di selezione naturale in ogni ambito”.
Serve” ha aggiunto “un meccanismo meritocratico, senza prevaricazioni da qualsiasi parte”.
Questa iniziativa "è un riflettore acceso sulla violenza", in "netto aumento" secondo quanto riportato dallo stesso Leonardo Di Franco.

Nessun commento:

Posta un commento