DIGITA LA TUA MAIL QUI PER GLI AGGIORNAMENTI

giovedì 16 gennaio 2014

"VOGLIAMO IL PONTE". IL SINDACO ED IL COMITATO 7 OTTOBRE PROTESTANO A TARANTO, SOTTO LA PROVINCIA.


Uno dei post su facebook apparso per sostenere l'iniziativa "Uniti per il ponte"

QUOTIDIANO DI PUGLIA 15 GENNAIO 2013
di Nicola NATALE
Potenza di facebook. Le proteste, quasi rassegnate, di imprenditori e commercianti penalizzati dagli oltre tre mesi di interruzione della ex statale 580 spingono il sindaco Vito De Palma a convocare un’incontro pubblico in sala consiliare.
L’obiettivo è quello di “preparare l’iniziativa uniti per il ponte” che si terrà sotto il palazzo della provincia di Taranto alle nove di giovedì 16 gennaio. 
Emergenza ponte: l'incontro nella sala consiliare di Ginosa
E’ quello il giorno in cui” ha riferito il sindaco “la commissione incaricata aprirà le buste e verificherà le offerte giunte per la costruzione del ponte”. 
"Una nostra rappresentanza farà capire che siamo oltremodo rispettosi delle prerogative della provincia ma non possiamo tollerare ulteriori ritardi".
De Palma si spinge ad una previsione e dice che molto probabilmente l’appalto sarà affidato già da lunedì prossimo (20 gennaio 2014)  e che le ditte in lizza si sarebbero ridotte a solo due. 
Ma perché così tanto tempo?
I ritardi sono “tutti addebitabili alla burocrazia” ma anche al fatto che secondo il primo cittadino “non è stata dichiarata la somma urgenza, io avrei fatto diversamente ma devo ricordare che in questo caso l’ente competente non siamo noi”. 
De Palma ha ripercorso l’opera di sollecito e di confronto con regione e provincia in veste istituzionale, parlando anche di una “litigata” con l’assessore Nardoni per la ripartizione dei fondi per la riparazione delle strade comunali, su cui premono anche gli altri comuni. 
Nunzio Giannini, componente del comitato 7 ottobre
e il sindaco Vito De Palma durante l'incontro organizzativo
Ha poi anche tirato qualche stilettata all’opposizione: “quando siamo venuti in consiglio ad approvare i lavori di somma urgenza che abbiamo fatto finora con i soli fondi del comune di Ginosa loro, poco responsabilmente, hanno abbandonato l’aula”. 
L’incontro organizzativo poi ha preso in esame le proposte di noleggiare un pulmann a spese dell’amministrazione e di far affiggere dei manifesti per la città. 
“Si tratta ha concluso il sindaco “non di capeggiare una protesta contro le istituzioni di cui faccio parte, ma di rappresentare con forza le ragioni della Ginosa che lavora e che non può essere ulteriormente penalizzata”. 
Dettaglio non indifferente rivelato nel corso dell’incontro “il mandato regionale che assegna i 320 mila euro per il ponte alla provincia di Taranto non sarebbe stato ancora preparato e la delibera di giunta è arrivata dopo un mese e mezzo”.

Nessun commento:

Posta un commento