DIGITA LA TUA MAIL QUI PER GLI AGGIORNAMENTI

martedì 28 gennaio 2014

RICORSO AL TAR DEL PD CONTRO LA TARES. In dubbio anche l'avanzo di bilancio: "e' fittizio".


Da sx Margherita Zanelli, coordinatrice pd Marina di Ginosa, il capogruppo pd in Consiglio comunale dr. Felice Bitetti, il cons. com. Enzo Giannico, il coordinato del circolo di Ginosa Giuseppe Punzi
QUOTIDIANO DI PUGLIA 28 FEBBRAIO 2013
di Nicola NATALE
Il pd ricorrerà al tribunale amministrativo contro l’applicazione della tares. 
Lo ha comunicato nel corso di una conferenza stampa sabato scorso con la quale ha voluto dimostrare che “non è affatto silente”.  
Il primo a prendere la parola è stato il consigliere Enzo Giannico, per il quale oltre al vizio di legittimità (manca il parere dei revisori dei conti giusto d.l.174 /2012) c’è stato “un eccesso di potere nel definire in modo arbitrario e scarsamente motivato l’applicazione delle tariffe”. 
Non si conoscono i tempi medi del ricorso, ma intanto le scadenze incombono e le proteste dei cittadini si sono coagulate in un comitato apartitico di “rinascita cittadina”. 
Il pd torna a chiedere modifiche al regolamento tares, l’istituzione di un fondo per le agevolazioni dedicato a particolari categorie in difficoltà, il permanere della vecchia tarsu anche per il 2013, una diversa modulazione delle tariffe per alleggerire il peso alle utenze domestiche ed infine che si eviti di far pagare due volte chi ha la casa al mare. 
Non sono questi i ricchi che possono pagare di più” hanno commentato dalla sede di via cavour. 
Il pd di Ginosa ha anche ribadito “che l’intera manovra economica dell’amministrazione De Palma è stata fatta per pagare i debiti fuori bilancio”. 
Una pressione fiscale eccessiva a cui si sono aggiunti gli accertamenti della soget fatti con i dati catastali non sempre rispondenti alla situazione reale. 
Sotto accusa anche l’ammontare totale della tares che conterrebbe “spese non congrue che dovrebbero essere pagate dal bilancio comunale e non imponendole direttamente ai cittadini”. 
Insomma “un calcolo maggiorato ad arte che avrebbe fatto rientrare 1,4 milioni di euro in più rispetto ai 3,6 milioni di euro di costo della raccolta differenziata”. 
Le stesse riduzioni della tares proposte dalla maggioranza “hanno criteri troppo stringenti nei quali di fatto quasi nessuno può rientrare”, per questo dal pd chiedono che “la soglia si innalzi a 4mila euro di reddito isee e che basti uno solo dei criteri e non tutti quanti insieme”. 
Ma non è finita qui perché la proposta è di utilizzare ulteriori 500mila euro dell’avanzo di bilancio per agevolazioni concesse a cassintegrati, residenti con più proprietà, locali commerciali che non utilizzano slot machines e titolari di alberghi diffusi. 
Avanzo di bilancio che però è fittizio secondo il capogruppo Felice Bitetti: “non reale”. 
Nella conferenza particolarmente agguerrita non è mancato l’accenno all’evasione della tares da parte di cittadini comunitari ed extracomunitari che non sono residenti ma di fatto producono rifiuti. 
Per il pd “è necessario far pagare tutti coloro che producono rifiuti, impegnando i vigili per il controllo del territorio e il riscontro dell’uso abitativo”. Anche perché una differenziata fatta male o non fatta affatto aumenta il costo complessivo della raccolta rifiuti. Uno dei temi caldi di quest’ultimo mese.

Nessun commento:

Posta un commento