DIGITA LA TUA MAIL QUI PER GLI AGGIORNAMENTI

domenica 12 gennaio 2014

LATERZA "ALBERI TAGLIATI IN PIENO CENTRO, UNO SCEMPIO". IL SINDACO "NO, E' RIQUALIFICAZIONE".


LATERZA Il belvedere a due passi dal Municipio con affaccio sulla gravina

QUOTIDIANO DI PUGLIA 11 GENNAIO 2013
di Nicola NATALE
Tagliano gli alberi in pieno centro a Laterza e si scatena la protesta di un residente. Alla quale segue una sobria annotazione del capogruppo dell’opposizione Vito Minei. 
Questa è la democrazia ai tempi di facebook, la piazza virtuale che amplia proteste  fondate, ma spesso accende fuochi fatui. 
L’oggetto del contendere è questa volta il belvedere alle spalle del municipio che restituisce una vista fantastica sulla gravina di Laterza, uno dei primi siti da riqualificare perché faccia da cartolina ai turisti e soprattutto ai residenti, che invece per qualche motivo lo hanno sempre snobbato, fino a condannarlo al degrado. 
Era nei progetti dell’amministrazione Lopane riqualificarlo e ci sono riusciti con i fondi della misura 4.4.3 quella degli interventi per la rete ecologica. 
Come si spiega allora secondo quanto denuncia un residente “lo scempio dell’albicocco meraviglioso che aveva più di 30 anni, un abete splendido alto più di 20 metri, il corbezzole gentile che sta per decapitato, una fila di una trentina di ginepri blu che saranno tagliati”? 
Il progetto di riqualificazione del belvedere di Laterza
Sconsolato il cittadino ammette di “sapere bene dov’è la sensibilità di certi nostri amministratori locali”. 
Appena un giorno dopo gli fa eco Vito Minei che pubblica foto di com’era il belvedere del municipio, cosa stanno facendo a due passi da piazza vittorio emanuele e cosa sarà, senza alcun commento. 
Il contrasto verde-parcheggi balza all’occhio e si crede che stiano sacrificando gli alberi per ottenere nuovi parcheggi, peraltro all’odiata casta.
Gianfranco Lopane,
sindaco di Laterza dal maggio 2011.
Conferenza di fine anno
Per Lopane si tratta “solo di un progetto di riqualificazione di aree protette che sostituirà con specie autoctone e con un percorso botanico l’attuale vegetazione”. 
Ma aggiunge “è un progetto che ha ricevuto i pareri positivi dell’ente parco, della regione e della forestale  ed  è una cosa voluta anche dal punto di vista naturalistico, da esperti di botanica che conoscono bene il territorio ed hanno partecipato attivamente alla redazione del progetto di riqualificazione”. 
Nessuno scempio quindi per il sindaco Lopane per il quale le piante “erano alquanto malandate e la loro sostituzione gioverà solo a riqualificare effettivamente il parco giochi”. 
Già ma i parcheggi non si potevano evitare? 
“Ebbene sì i parcheggi ci sono, ma sono a raso e solo con alveolari che lasciano crescere l’erba”. 
E gli alberi proprio non si potevano salvare? Ci sono delle persone che fanno questo di mestiere, tre architetti, un esperto di botanica, pareri positivi di tutti gli enti coinvolti, bisogna solo aspettare il risultato finale”.

Nessun commento:

Posta un commento