DIGITA LA TUA MAIL QUI PER GLI AGGIORNAMENTI

martedì 17 dicembre 2013

IMPRESE STROZZATE DALL’IMU: 15MILA EURO PER UN CAPANNONE NON FINITO. Spunta la tassa sugli adesivi per gli esercizi commerciali.


Possedere uno di questi costringe a pagare
15mila euro.
Più o meno lo stipendio di un dipendente
(contributi esclusi)
QUOTIDIANO DI PUGLIA 14 DICEMBRE 2013
di Nicola NATALE
15mila euro per un capannone non finito. 
Questo è quanto dovrà pagare Marco Ielli, presidente del settore estrattivo della confindustria di Taranto e titolare di un azienda. 
Lo ha denunciato con il mezzo più immediato e democratico: facebook. Ed anche con una frase che non genera equivoci quanto al livello di esasperazione raggiunto anche da molti piccoli imprenditori: “non ci vuole la forza, ci vuole la violenza”. 
Immancabile è intervenuto (a titolo personale) il sindaco Vito De Palma; commentando il post ha scritto che “la cosa più assurda è che tale IMU la versi direttamente al governo centrale che l’ha sottratta ai comuni senza compensarla, anzi sottraendo 1,3 milioni di euro al comune di Ginosa”
Nel frattempo ci sarebbero aziende con sede a Ginosa che verseranno, sempre per l’imposta municipale propria che tanto propria non è più, anche 80mila euro
Marco Ielli,
titolare di una azienda estrattiva
E’ uno dei momenti più duri per l’economia locale, stretta tra un export ridotto anche in agricoltura ed interi settori posti al tappeto per l’avvitarsi della crisi finanziaria ed economica. 
In tutto questo Stato e Comuni cercano disperatamente risorse perché le spese correnti non accennano a diminuire. 
Tanto per fare un esempio, le spese finali del bilancio statale nel 2013 sono aumentate di circa 26 miliardi rispetto alle previsioni del 2012 dice la stessa ragioneria generale dello stato. Sarebbe interessante vedere anche qual'è il trend del bilancio del Comune di Ginosa in questi anni.
Ieri una discreta fila si è creata in comune presso l’ufficio tributi del comune di Ginosa per chiarimenti circa l’applicazione dell’imposta municipale propria in scadenza il 16 dicembre. 
L’unico impiegato presente (uno era in malattia, l’altro distaccato a Marina di Ginosa) pur gentilissimo ha chiarito più volte che a fare i conti per ogni singolo contribuente devono essere i centri di assistenza fiscale, l’ufficio è deputato al solo controllo della correttezza dei versamenti. 
Ciò però genera un circolo vizioso di accertamenti e notifiche esattoriali che aggravano l’onere per gli utenti, costretti anche a districarsi con norme e conteggi non difficili, ma di non immediata comprensione per tutti. In mezzo a tutto questo non vengono lasciati in pace nemmeno i commercianti. 
L'esattoria comunale esternalizzata alla So.ge.t s.p.a
A questi ultimi starebbe per arrivare un balzello, forse finora non riscosso, relativo agli adesivi attaccati sulle loro vetrine. 
Alcuni ragazzi che scattavano fotografie alle vetrine avevano fatto insospettire qualche commerciante. Ma alle domande furono date risposte evasive. 
In questi giorni la sgradita sorpresa riveniente, a quanto pare, dall’applicazione del decreto legislativo n.507 del 1993 relativo alla pubblicità esterna. 
Molti hanno preferito pagare, perché sembra che la cifre non siano alte, ma la tensione relativa ad ogni carta recapitata con messo notificatore resta. 
Intanto la seconda rata imu e la tares maggiorata costringeranno molti a versare parte delle loro tredicesime, sterilizzando il beneficio all’economia.

Nessun commento:

Posta un commento