DIGITA LA TUA MAIL QUI PER GLI AGGIORNAMENTI

giovedì 12 dicembre 2013

GINOSA E LATERZA ENTRANO NEL CLUB DEI COMUNI RICICLONI. Soddisfazione ma anche polemiche.


I bidoncini consegnati
a ginosini e marinesi
per la differenziata
nel novembre del 2012
QUOTIDIANO DI PUGLIA 11 DICEMBRE 2013
di Nicola NATALE
La battaglia del riciclo. Le amministrazioni non si lasciano scappare l’occasione di mettere in mostra i loro successi nella raccolta differenziata. 
E non fa niente se questi giungono 38 anni dopo l’introduzione della direttiva europea 442 e 25 anni dopo la legge 475 del 1988 che impose esplicitamente la raccolta differenziata dei residui solidi urbani. E’ di ieri la notizia che Ginosa con il suo 61,8% di percentuale di recupero si è piazzata undicesima nella graduatoria dei comuni pugliesi con differenziata compresa tra il 57 ed il 65%. Non male in una regione che di Comuni ne ha 258.
da sx Leonardo Galante,
assessore all'ambiente
e Vito De Palma,
sindaco di Ginosa
con un albero di Natale
fatto di bottiglie riciclate
(ph Luigi Farella)
Meglio di tutti ha fatto, in provincia di Taranto, il comune di Monteparano, piazzatosi al secondo posto con il 70, 3% di rifiuti differenziati.
Per la prima volta Monteparano, dopo tre anni, perde la leadership della prima categoria, quella cioè dei comuni che superano il 65% di rifiuti differenziati a favore di Rutigliano. Il comune barese con 18mila abitanti  ha separato il 79,7% dei propri rifiuti piazzandosi al primo posto assoluto.
Arrivare comunque al 61,8% è comunque un riconoscimento per Ginosa, soprattutto pensando a quanto è stato stentato l’avvio ed ai continui dissidi dell’azienda teknoservice con il personale.
Non manca nemmeno Laterza alla sesta edizione dei “Comuni ricicloni 2013” indetta da Legambiente Puglia. Il comune laertino è stato invece premiato per essere riuscito a superare il 50% nei primi sei mesi di attivazione.
C’è gloria per tutti e le amministrazioni non hanno tardato a diffondere immagini via facebook o a indire conferenze stampa. L’Amministrazione comunale di Ginosa retta dal sindaco Vito De Palma ha scelto quest’ultima via convocando per il 12 dicembre alle 10:30 una conferenza in sala consiliare che presenterà alla cittadinanza ed ai giornalisti la campagna per il rafforzamento della differenziata.
Come è ormai abitudine la notizia ha sollevato commenti di ogni tipo, sia a Ginosa che a Laterza. 
La foto postata l'11 dicembre 
da Cosimo Vavallo
C’è chi esplicitamente sulla pagina facebook ufficiale dell’amministrazione di Ginosa denuncia gli alti costi della differenziata spinta abbattibili con “grandi contenitori per ogni quartiere” e chi senza giri di parole parla di “un porcile a cielo aperto”.
A Laterza è invece l’opposizione a reagire con Vito Minei, capogruppo pdl. E’ il consigliere comunale a denunciare che “da ottobre i lavoratori della ditta appaltatrice non prendono lo stipendio tranne un acconto di 500 euro”.
La premiazione a Bari il 10 dicembre 2013
In questo caso è l’Ecologica pugliese  con sede a Capurso Bari che già aveva dovuto subire il sequestro del centro rifiuti, poi spostato nell’ex foro boario. 
Tutti naturalmente ringraziano la popolazione  che reagisce bene a iniziative di comune buon senso come la raccolta differenziata, poi c’è la complessa e fumosa realtà degli appalti pubblici per il servizio. 
Con le sentenze milionarie, i ricorsi,  i ritardi e le inadempienze contrattuali ampiamente (ed inutilmente) denunciate. 
Ma, per oggi, forse è il caso di gioire.

Nessun commento:

Posta un commento