DIGITA LA TUA MAIL QUI PER GLI AGGIORNAMENTI

mercoledì 12 giugno 2013

GINOSA E MARINA DI GINOSA / APPALTI PUBBLICI E DEBITI, L’OPPOSIZIONE ROMPE IL SILENZIO CON DUE COMIZI


QUOTIDIANO DI PUGLIA 11 GIUGNO 2013
di Nicola NATALE
L'articolo del Quotidiano di Puglia
di martedì 11 Giugno 2013
In molti si chiedevano come mai l’opposizione tacesse sulla bufera giudiziaria che ha sconvolto il comune di Ginosa. 
Bufera che ha coinvolto il 23 maggio scorso, a seguito di un’indagine della guardia di finanza, il consigliere delegato ai lavori pubblici Vincenzo Di Canio, un geometra dell’ufficio tecnico comunale Alfredo Clemenza oltre al dirigente pro-tempore dello stesso ufficio ing. Mauro De Molfetta ed Enrico Grilli, vicepresidente della cooperativa il poligono.
Il tutto originato dalla tangente che Grilli avrebbe versato per la costruzione del centro diurno per disabili nella località costiera dalla quindicesima bandiera blu.
Domenica scorsa, 9 Giugno, il silenzio si è interrotto con due comizi tenutisi in serata a Ginosa e a Marina di Ginosa. 
Un momento del comizio a Marina di Ginosa
A parlare sono stati i consiglieri di minoranza Enzo Giannico e Felice Bitetti (pd) e Massimo Castria  e Cristiano Inglese (lista inglese) oltre alla segretaria Margherita Zanelli del circolo marinese. 
Sotto la lente dell’opposizione, l’intero sistema degli appalti pubblici e le numerosi varianti in corso d’opera, sui quali da anni lanciavano allarmi inascoltati, spesso considerati strumentali. 
Enzo Giannico,
consigliere di minoranza pd
L’ultimo quello di Giannico sul rifacimento di diverse strade urbane e tronchi idrico-fognanti che provocò a marzo scorso delle richieste di chiarimenti da parte dell’autorità di vigilanza. 
Il consigliere marinese in quell’occasione disse esplicitamente “che i lavori pubblici erano considerati come una questione privata-personale da parte degli amministratori ed in particolare da Di Canio”. L’opposizione però ha preferito rimanere alla larga dalla vicenda giudiziaria, auspicando la completa estraneità ai fatti delle persone coinvolte e piuttosto puntando il dito sulla qualità delle opere pubbliche e dei servizi offerti dall’amministrazione comunale, con un occhio preoccupato al bilancio da cui si temono sorprese sgradite. 
Cristiano Inglese,
capogruppo lista inglese
E se Castria ha ricordato i ritardi nell’ammodernamento della pubblica illuminazione e le inadeguatezze della raccolta differenziata - a partire dalla mancanza delle isola ecologiche nonostante l’appalto sia partito dal luglio del 2012 - l’avv. Cristiano Inglese ricorda invece il caso cisa, in piedi fin dal 2007. 
La società di gestione della discarica di Massafra “scarica sul bilancio comunale 2012 gli effetti del mancato adeguamento del canone per smaltire i rifiuti negli anni scorsi: 500mila euro di arretrati più 300mila di spese per una battaglia legale che si trascina dal 2006”. 
Perché si chiede Inglese "all’arrivo della sentenza non si è utilizzato l’avanzo di bilancio  di un milione di euro del 2011 per pagare la sentenza sfavorevole?" Il Comune ha preferito rateizzare, pagando gli interessi. 
E poi altre sentenze sempre in tema di rifiuti per la rivalutazione del canone di raccolta per 1,5 milioni di euro e per la proroga del servizio alla società avvenire (250mila euro) senza scordare la mancata presentazione dei piani particolareggiati nelle aree dichiarate fabbricabili sulle quali si continua a pagare l’imu senza poter di fatto costruire.
Felice Bitetti, capogruppo consiliare pd 
Non fa sconti nemmeno Felice Bitetti, il capogruppo pd, che annuncia il ritiro dalla politica dopo esserne stato un attore principale per decenni. 
Nel descrivere le implicazioni politiche seguite all’arresto di Di Canio (il quale avrebbe avversari nella sua stessa maggioranza) ricorda che è una sconfitta per tutta Ginosa, ma che il settore dei lavori pubblici non può bloccarsi per questo. 
Si deve però “rinunciare al trucchetto delle offerte migliorative negli appalti che poi spariscono in fase di esecuzione”. Come il famoso sovrappasso che doveva consentire l’attraversamento per la spiaggia libera oltre il lido la capannina mai realizzato.
Marina di Ginosa - L'intera spiaggia libera dopo il lido la capannina è tutt'ora priva di agevoli punti di accesso.
Le fs hanno eretto un muro in cemento per impedire l'attraversamento della ferrovia.

Nessun commento:

Posta un commento