DIGITA LA TUA MAIL QUI PER GLI AGGIORNAMENTI

lunedì 27 maggio 2013

MARINA DI GINOSA IL DIRETTORE DI TORRE SERENA: NO ALL’IMPOSTA DI SOGGIORNO


QUOTIDIANO DI PUGLIA 26 MAGGIO 2013
di Nicola NATALE
Geraldo Fatone,
direttore del Torre Serena Village
La tassa di soggiorno sveglia il gigante, cioè torre serena. Al momento l’unico grande villaggio turistico esistente a Marina di Ginosa. Sulla questione interviene il direttore del complesso turistico Geraldo Fatone, dichiarando “siamo sempre stati fermamente contrari e abbiamo interloquito con l’amministrazione comunale affinché evitasse quello che consideriamo un grande danno per l’economia locale”. 
Una diretta presa di posizione del gruppo bluserena che pur “apprezzando la disponibilità del sindaco di Ginosa a dialogare sull’entità della tassa e sulla sua modalità di applicazione” ha voluto ribadire pubblicamente il suo no. L’intervento proprio a seguito dell’articolo del Quotidiano relativo al consiglio comunale del 13 maggio scorso. Consiglio la cui diretta non è stata pubblicata a tutt’oggi  nella apposita sezione del sito ufficiale dell’ente.
Il direttore spiega anche le ragioni della sua contrarietà: “abbiamo una legge  nazionale sciagurata che crea condizioni di competizione fra le amministrazioni comunali, nel turismo oggi perdono i comuni che istituiscono la tassa”. 
Un’impostazione diametralmente opposta a quella perorata dalla maggioranza, cui si è unita la lista inglese. Di diverso parere il pd che dall’opposizione con Bitetti, Giannico e Rosato ha votato contro. 
Marina di Ginosa - Torre serena village
Giacomo Cassano, il consigliere delegato al marketing territoriale che ne ha curato l’istituzione assieme all’assessore al turismo e ambiente Leonardo Galante aveva dichiarato in proposito che l’imposta “non avrebbe fatto fuggire nessuno”.
E invece insiste Fatone le cose non stanno così: “questa imposta deprime i flussi turistici e l’occupazione e danneggia l’indotto”. Secondo il dirigente “chi valuterà Ginosa per le proprie vacanze, non potrà non prendere in considerazione destinazioni alternative, su cui non gravi l’imposta” anche perché conclude “ad incidere nelle scelte dei turisti è sia la maggior spesa che l’idiosincrasia generalizzata verso le imposte ….e questa è particolarmente odiosa”.

Nessun commento:

Posta un commento