DIGITA LA TUA MAIL QUI PER GLI AGGIORNAMENTI

lunedì 25 marzo 2013

GINOSA SU UN APPALTO DEL COMUNE INTERVIENE L’AUTORITA’ DI VIGILANZA


di Nicola NATALE
Via Matera -Ginosa
Usare soldi di un appalto per opere diverse dall’appalto stesso. 
Opere pubbliche sì, ma non quelle su cui l’azienda De Bartolomeo di Taranto aveva vinto la gara d’appalto nell’ottobre del 2010. 
I lavori eccepiti dalla autorità di vigilanza sono quelli indicati nella delibera di giunta comunale n°6 del 13 Gennaio 2012 ovvero la ricostruzione muri in cemento armato, il rifacimento della sede stradale delle traverse di via matera e viale trieste, le strade urbane di via della pace e del popolicchio, la strada comunale del cignano nonché la  ricostruzione di impianti idrico fognanti per un importo complessivo di 344mila euro. 
Lavoro per cui la giunta comunale approvò una “perizia di variante e suppletiva” basandola sull’emergenza alluvione di Marina di Ginosa del marzo del 2011, quando invece i lavori erano tutti a Ginosa. Queste opere sono state poste sotto la lente dell’autorità per la vigilanza dei contratti pubblici. 
Enzo Giannico, cons. com. di minoranza (pd)
L’anomalia è stata segnalata dal consigliere di minoranza Enzo Giannico del pd e l’autorità di vigilanza ha chiesto chiarimenti all’amministrazione comunale retta dal sindaco Vito De Palma (p.d.l). 
Se questi chiarimenti non dovessero pervenire l’autorità avvierà un procedimento sanzionatorio. 
In particolare l’autorità ha rilevato che “un tratto di strada risanato non è quello previsto in progetto mentre l’originario tratto di strada previsto in progetto non ha subito alcun intervento”. 
I lavori pubblici a Ginosa - dice il consigliere d’opposizione  - sono sempre stati trattati come una questione privata-personale da parte degli amministratori, ed in modo particolare da Vincenzo Di Canio, prima assessore al ramo ora consigliere delegato”. 
Secondo il consigliere questo non è che un esempio dei problemi che si riscontrano nel settore dei lavori pubblici: “lavori mai collaudati o realizzati a regola d’arte, opere incompiute, strade dissestate”. Ciò sarebbe dovuto alla “compiacenza del dirigente dell’ufficio che in quanto collaboratore esterno, ha tenuto in considerazione solo la pressione dei politici”.

Nessun commento:

Posta un commento