DIGITA LA TUA MAIL QUI PER GLI AGGIORNAMENTI

venerdì 8 marzo 2013

CASTELLANETA UN CANILE SUI TERRENI CONFISCATI ALLA CRIMINALITA'


di Nicola NATALE
Un canile a Castellaneta, sui terreni confiscati alla mafia. Ne ha dato l’annuncio con grande enfasi Giovanni Gugliotti, il sindaco, raccogliendo il plauso dei castellanetani sensibili agli animali. 
I lavori sono partiti ieri in contrada bolzanello (zona gaudella piccola) su una superficie di circa 11mila metri quadri e costeranno 248 mila euro, attinti ad un fondo del ministero degli interni. 
Per la precisione al piano operativo nazionale 2.5 che si occupa di “migliorare la gestione dei beni confiscati alla criminalità organizzata”. 
L’amministrazione nella sua nota ha dichiarato che intende recuperare con questo intervento “un’area periferica spesso interessata da attività illecite e offrire lavoro a categorie deboli”. 
La struttura, la cui costruzione è stata affidata all’impresa moire di Marina di Ginosa potrà ospitare 88 cani in cerca di adozione e sarà gestita da una cooperativa di 10 persone.

Nessun commento:

Posta un commento