DIGITA LA TUA MAIL QUI PER GLI AGGIORNAMENTI

sabato 9 febbraio 2013

REINDUSTRIALIZZAZIONE: NESSUN PROGETTO A TARANTO NONOSTANTE ACCORDO NATUZZI


QUOTIDIANO DI PUGLIA 09 FEBBRAIO 2013
di Nicola NATALE
Roma Il vicepresidente della Regione Loredana Capone
e i sindaci di Ginosa (Vito De  Palma) e Laterza (Gianfranco Lopane)
 firmano l'accordo per il rilancio del distretto del mobile imbottito inseguito dal 2006
A Roma c’erano anche i sindaci di Ginosa, Vito De Palma e di Laterza Gianfranco Lopane  alla firma dell’accordo per il rilancio del distretto del mobile imbottito. 
L’accordo, inseguito dal 2006, stanzia complessivamente 101 milioni di euro per cofinanziare i progetti di investimento industriale. 
Le quote di investimento pubblico sono suddivise tra ministero dello sviluppo economico (40) Regione Puglia (40) e Regione Basilicata (21). 
In serata il sindaco De Palma ha commentato che si può “registrare una folata di serenità” con riferimento alla annunciata chiusura degli stabilimenti di Ginosa e della Martella a Matera il 28 gennaio scorso da parte del patron del gruppo, Pasquale Natuzzi. 
I partecipanti all'accordo accordo del mobile imbottito
La chiusura dei due siti determinerebbe un risparmio del 10%, assolutamente necessario secondo il management al “recupero della competitività, da raggiungere attraverso la riduzione dei costi, l’innovazione di processo e una maggiore produttività”. 
Ciò anche in vista “dell’attuazione del piano di riorganizzazione” che comporterà secondo fonti aziendali “un investimento nel 2013 di 29 milioni di euro che si sommano agli oltre 20 milioni di euro già investiti nel 2012”. 
Su questo è tornato ancora il sindaco ginosino: “il mio pensiero mentre firmavamo l’accordo è andato ai circa 450  lavoratori della natuzzi di Ginosa che stanno vivendo una situazione critica”. 
De Palma si augura anche che le regioni Puglia e Basilicata stringano ulteriori accordi per il sostegno al credito al fine di facilitare gli investimenti alle imprese del distretto, in modo da assorbire effettivamente i lavoratori in esubero. Secondo il sindaco di Ginosa se ci fossero investimenti e facilitazioni ci fossero effettivamente sarebbe più facile per il Comune “ottimizzare il quadro delle infrastrutture per la mobilità ed il sistema della logistica sul territorio”.
A commentare l’accordo naturalmente anche i sindacati e gli operai.
Pasquale Natuzzi,
presidente ed amministratore delegato
del gruppo omonimo
Fin troppo chiaro il commento di Antonio Stasi, neo segretario provinciale della fillea cgil “noi non ci stiamo, dopo questo accordo capiremo se veramente Pasquale Natuzzi è ancora interessato a fare impresa su questo territorio”. 
Un operaio commenta all’uscita dell’assemblea: “spero che quello che hanno detto non si avveri, l’assemblea è utile per capire in maniera precisa come stanno le cose”.  
Il tutto ruota attorno al piano di riorganizzazione che Lamusta (fillea cgil) invita a ripensare, anche in ragione della produzione spostata in Romania. 
Per Vito Lincesso (filca cisl) è importante che nella gestione dell’accordo i sindacati “siano dentro come regia e gestiscano le risorse per la riqualificazione del personale”. 
Allo stato delle cose i 1800 esuberi dichiarati da natuzzi dovrebbero essere riassorbiti dalle riorganizzazioni o nuove iniziative industriali. 
Peccato che secondo alcuni sindacalisti “per il territorio di Taranto non ci sia nessuna manifestazione di interesse, speriamo che nei prossimi giorni le cose cambino”.

Nessun commento:

Posta un commento