DIGITA LA TUA MAIL QUI PER GLI AGGIORNAMENTI

giovedì 21 febbraio 2013

MARINA DI GINOSA / GIANNICO : "LAVORI IN CORSO ITALIA FERMI DA 10 MESI"


di Nicola NATALE
Marina di Ginosa, corso Italia lavori infiniti
Torna a farsi sentire l’opposizione da Marina di Ginosa. 
Questa volta è Enzo Giannico, consigliere comunale del pd a chiedere al sindaco ed al responsabile dell’ufficio tecnico perché i lavori di costruzione dei condotti fognari in corso italia sono fermi da 10 mesi. 
Secondo i cartelli informativi i lavori dell’impresa marzo avrebbero dovuto concludersi nel maggio 2012 ma la strada è ancora del tutto dissestata, il cantiere aperto e soprattutto nessuno é al lavoro. 
Sul punto è intervenuto, sollecitato dal Quotidiano, il cons. com. Vincenzo Di Canio, delegato ai lavori pubblici in questa e nella passata amministrazione. “La ragione di tutto è nei problemi tecnici sorti all’incrocio con via tufarelle che ha richiesto una perizia di variante all’esame dell’ufficio tecnico in questi giorni”. 
I lavori di completamento del tronco fognario nell’ultimo tratto di corso italia prevedevano il collegamento ad una vasca di pompaggio che poi avrebbe convogliato le acque nere verso il depuratore. 
Enzo Giannico, consigliere pd di minoranza
Ma durante lo scavo che è dovuto scendere a 7 metri di profondità, sono emerse falde acquifere superficiali,  terreni non stabili e reti idriche ed elettriche che hanno intralciato l’opera in costruzione. 
Senza contare che i lavori di rete fognante avviati dalla società ecoltourist devono, a detta dell’amministrazione, essere completati per arrivare a dotare effettivamente l’ampia zona della fognatura (attualmente il servizio è svolto da autobotti private). 
Quotidiano di Puglia 21/2/2013
L’Aqp ha poi richiesto,  per prendere in carico la manutenzione dell’opera,  verifiche puntuali dei lavori svolti in passato e in via di svolgimento. 
I nuovi lavori richiesti in perizia assorbiranno i ribassi e non dovrebbero superare a detta di Di Canio la somma inizialmente stanziata pari a circa 400mila euro. 
Consigliere Di Canio, queste opere non dovevano essere ampiamente previste nel primo progetto?Beh falde superficiali, interferenze sono problemi che vengono fuori nel corso dei lavori,  la profondità necessaria ha reso tutto più complicato”. 
Attualmente quindi quei famosi lavori sono ancora nella fase dell’approvazione della perizia di variante. Questo quindi il motivo per cui i residenti di corso italia e dintorni dovranno aspettare ancora.

Nessun commento:

Posta un commento