DIGITA LA TUA MAIL QUI PER GLI AGGIORNAMENTI

venerdì 18 gennaio 2013

LATERZA L’AQP RICHIUDA BENE LE BUCHE O RISCHIA 20MILA EURO DI SANZIONI


QUOTIDIANO DI PUGLIA 11 GENNAIO 2013
di Nicola NATALE
Aumentano le diffide ad Acquedotto Pugliese (AQP) per il cattivo ripristino dei manti stradali dopo i lavori. 
Ora il Comune di Laterza potrebbe incassare fino a 20mila euro da una polizza cauzionale per i mancati rifacimenti definitivi delle strade, dopo i nuovi allacci e le manutenzioni. 
Giovanni Caldaralo,
assessore lavori pubblici di Laterza
Lo ha reso noto Giovanni Caldaralo, giovanissimo assessore ai lavori pubblici del comune laertino (26 anni) dopo aver sospeso per un anno le concessioni ad effettuare lavori sul solo pubblico.  
Chiedo scusa ai cittadini per i disagi arrecati, ma dopo che tutti gli altri enti avevano accettato il regolamento comunale e fatto a regola d’arte i ripristini, non potevamo consentire che l’Aqp si sottraesse”.
 Ora il servizio idrico regionale avrà tempo fino al 31 gennaio per adeguarsi, pena l’incameramento della polizza fideiussoria. 
Non tutti sono stati d’accordo sulla linea scelta dal Comune” ha detto l’assessore ma “andremo avanti nelle nostre battaglie”. 
Caldaralo ha auspicato che anche la Regione Puglia effettui un controllo maggiore sull’operato di uno dei suoi enti più importanti. 
La sede del Comune di Laterza
Piazza Vittorio Emanuele
La diffida del Comune di Laterza ha anticipato di due giorni la stessa linea dura annunciata dall’assessore ai lavori pubblici del Comune di Taranto Lucio Lonoce: l’assessore laertino gli ha fatto “i più sinceri auguri di buon lavoro”
Nel corso del 2012 molti comuni del tarantino, tra cui anche Ginosa, si sono dotati di regolamenti comunali per reagire, anche legalmente,  ai cattivi rifacimenti delle strade dopo i lavori di allaccio o manutenzione dei principali servizi quali acqua, luce, gas e telefonia. 
Caldaralo nella sua missiva ha interessato la direzione operativa  dell’AQP  di Viale Virgilio a Taranto e per conoscenza la Global Lavori di Palagiano ed la Cogeir Costruzioni di San Vito dei Normanni.

Nessun commento:

Posta un commento