DIGITA LA TUA MAIL QUI PER GLI AGGIORNAMENTI

lunedì 21 gennaio 2013

GINOSA, VICO E IL PD: "SI SALVI LA NATUZZI"


di Nicola NATALE
Da sx Margherita Zanelli, coordinatrice pd marina di ginosa, Antonello Zicari dipendente natuzzi e rsu cgil, Giuseppe Punzi, coordinatore pd ginosa, l'on. Ludovico Vico, l'ass.prov. Marta Teresita Galeota
Dappertutto una sola parola: crisi. 
Dappertutto la precarietà economica, il futuro nebuloso che investe ora  anche la Natuzzi, uno dei pezzi pregiati del manifatturiero pugliese (specializzata in divani e complementi d'arredo) con due grandi stabilimenti a Ginosa e Laterza.
Con l’accordo di programma che non arriva, nonostante se ne parli dal 2006. L’accordo di programma, sostanzialmente un contratto tra enti pubblici, in primis il Ministero dello sviluppo, per la re-industrializzazione del territorio avrebbe “scaricato” 80 milioni di euro per consentire il salvataggio dei posti di lavoro persi o in procinto di essere persi nel settore del mobile imbottito. 
Il problema è ora dice l’on. Ludovico Vico (pd), già segretario della cgil di Taranto, è “mantenere fermo quell’investimento cui avrebbero partecipato anche la Regione Puglia e Basilicata”. 
Una soluzione del dramma delle tante giovani famiglie che sulla base di quel posto di lavoro avevano contratto mutui e immaginato un futuro in Puglia.
Siamo davanti a due mesi di incertezza e il nostro impegno è quello di arrivare a mettere la firma governativa su quell’accordo”. 
Il pd di Ginosa consapevole della minaccia dei 1500 esuberi più volte ventilata dal management dell’azienda con il cuore a Santeramo in Colle, ma con mercati di sbocco e stabilimenti in tutto il mondo, prova a riprendere in mano il dossier scottante del lavoro che se ne va altrove. 
Lo stabilimento Natuzzi di Ginosa
Dei sette stabilimenti italiani della Natuzzi uno è allocato a Ginosa in contrada bandiera ed uno a Laterza in contrada Madonna delle Grazie, vicinissimi ai centri abitati. La Natuzzi è una delle poche aziende pugliesi globalizzate,  eppure con molti acciacchi, grazie anche al rapporto euro/dollaro che penalizza chi produce con l’euro. 
All’incontro di sabato 19 Gennaio erano presenti l’assessore provinciale Teresa Galeota, il segretario del circolo locale Giuseppe Punzi e uno dei rappresentanti sindacali della Natuzzi di Laterza, Antonello Zicari (Cgil). 
Operai  all'entrata dello stabilimento di Laterza
Per tutti è valida l’idea di approfondire il tema del lavoro che "non può essere ridotto al solo suo costo come dimostrano gli stipendi tedeschi". 
Il berlusconismo ci ha illuso che la soluzione al problema potesse essere di tipo personale, invece non possiamo che affrontarla insieme sapendo che non è finita, nemmeno quando è finita” dice l'on. Vico per introdurre una nota di ottimismo. 
Il pensiero alle ultime notizie che vengono dagli ulteriori 68 esuberi della tessitura TBM e in generale all’evanescenza dell’intera industrializzazione jonica nata con la legge 181 che sconta “l’assenza di vincoli” secondo il parlamentare. 
Un quadro emergenziale che, oltre alla proposta di salvare il salvabile riferendosi ai posti di lavoro esistenti, invoca assolutamente una politica europea e nazionale per competere sul fronte della qualità, fino a quando “gli operai cinesi non invocheranno quelle misure che qui richiedevamo negli anni ’50”. “La ruota gira”conclude Vico sperando che l’Italia si decida a salvare il suo settore manifatturiero e magari intervenire “sul sistema fiscale” con le ricette non nuove della riduzione del cuneo fiscale per lavoratori ed imprese e dei crediti d’imposta.

Nessun commento:

Posta un commento