DIGITA LA TUA MAIL QUI PER GLI AGGIORNAMENTI

giovedì 6 dicembre 2012

GINOSA SI "DIFFERENZIA", L’AZIENDA DI RACCOLTA SANZIONATA PER 15.000 EURO


QUOTIDIANO DI PUGLIA 5 DICEMBRE 2012
di Nicola NATALE
L'articolo del Quotidiano di Puglia
La raccolta differenziata dei rifiuti é l’argomento del giorno. 
Anche perché l’amministrazione, rispondendo ad un cittadino che si lamentava di avere in casa l’organico (i residui alimentari) da 4 giorni, ha fatto sapere di aver applicato una penale di 15mila euro alla Teknoservice, la ditta affidataria del servizio di raccolta, “per alcune inadempienze”. 
E questo già dal 27 Novembre scorso, con apposita determina. Probabilmente la sanzione è collegata al fatto che la Teknoservice è affidataria del servizio già da Luglio 2012: quasi 5 mesi non le sono bastati per avviare in piena efficienza il servizio di raccolta. 
Via Enrico Toti, 2 Dicembre 2012
In ogni caso, risponde informalmente Vito De Palma sindaco di Ginosa a Nicola Boccuzzi, il cittadino che aveva minacciato di esporre denuncia agli organi competenti, la ditta “ha garantito che dopo qualche problema iniziale il servizio funzionerà in maniera perfetta”. 
Non penso conclude De Palma che la ditta “vorrà altre sanzioni”. 
Nel frattempo l’amministrazione fa sapere che sono stati anche individuati e sanzionati i cittadini che hanno buttato i propri rifiuti dove gli capitava, in città o in campagna, trasgredendo l’ordinanza sindacale che prevede il rilascio negli appositi contenitori solo al di fuori del proprio portone, nei giorni e nelle ore indicate. 
I contenitori distribuiti dalla Teknoservice
con le istruzioni per la differenziata
I cumuli, sia nei posti dove c’erano i cassonetti, sia in zone periferiche della città, sono stati prontamente rimossi, ma molti si sono chiesti perché la differenziata non è partita il 19 Novembre come annunciato e  nessuno abbia poi comunicato il giorno esatto in cui i cassonetti sarebbero stati tolti. 
Tra cittadini adirati  che postano la loro ira sul profilo facebook dell’amministrazione ed altri che si lanciano in considerazioni più riflessive però la raccolta differenziata a Ginosa è iniziata. 
Il terzo Comune in provincia di Taranto sottolinea la maggioranza.  
Va detto che i Comuni jonici, obbligati dalla legge regionale che minaccia a sua volta sanzioni, si sono messi d’impegno ad avviare sul serio le raccolte differenziate, sia pure  ricorrendo a sistemi più cari come la raccolta spinta (oltre 2 milioni di euro annui l’appalto ginosino). 
Nella vicina Laterza il nuovo servizio è partito all’inizio di dicembre. I cassonetti avrebbero potuto ancora esserci, gli orari meno rigidi, il risparmio ancora maggiore se i cittadini avessero preso sul serio da subito l’invito a differenziare.

Nessun commento:

Posta un commento