DIGITA LA TUA MAIL QUI PER GLI AGGIORNAMENTI

sabato 3 novembre 2012

LATERZA, LOPANE REPLICA: "LA DIFFERENZIATA PARTE TRA UN MESE, ALTRO CHE FLOP".


 di Nicola NATALE
Da sx l'assessore all'ambiente Oronzo Calella
ed il sindaco Gianfranco Lopane
Nessun flop della differenziata.
Il sindaco di Laterza Gianfranco Lopane e l’assessore all’ambiente Oronzo Calella replicano (grafici alla mano) alle accuse di immobilismo del coordinatore del pdl laertino Antonio Perrone.
Innanzitutto dicono “si sarebbero dovuti prendere in considerazione i dati medi, e non solo quelli relativi ad un mese”. 
Va da sé - replicano - che è facile essere agli ultimi posti ora, poiché ci sono Comuni che hanno iniziato la differenziata come Palagiano e i dati registrano il miglioramento.
Al mio insediamento - prosegue il sindaco eletto nel Maggio 2011 - non abbiamo trovato nemmeno un progetto per la differenziata e abbiamo dovuto impegnare risorse comunali per il progetto sperimentale nel quartiere di porta pia”.
Quel progetto dice Lopane ha "consentito di innalzare da subito la percentuale di 2-3 punti dell’intera cittadina ed ha permesso di evitare il commissariamento della Regione". L’iter per il nuovo appalto di raccolta dei rifiuti è partito nel dicembre del 2011 e si è concluso solo a fine Ottobre del 2012. 

Vincitrice la ditta Ecologica Pugliese di Capurso, che ha vittoriosamente respinto anche il ricorso della seconda classificata, la ditta Avvenire. 
Importo dell’appalto circa 1,5 milioni di euro per 9 anni. 
Il servizio partirà tra un mese, iniziando ufficialmente il 1° Dicembre. 
Per allora i laertini dovranno familiarizzare con il sistema di porta a porta abbandonando l’idea di vedere un cassonetto per strada dice Calella. 
"E’ per questo che il Comune ha pensato ad un’isola ecologica che sarà allocata nella zona Pip, percependo un finanziamento di centomila euro". 
Chi non può o dimentichi di tirare fuori i secchielli al momento giusto, potrà sempre recarsi all’isola e lasciare lì il proprio rifiuto differenziato. 
Un pannolino eco-logico
prodotto in Puglia a Calimera (Le)
La sfida è grossa, il timore di vedere la cittadina invasa da rifiuti anche, come è successo anche ad altri Comuni che hanno già avviato il servizio porta a porta. 
E’ per questo che “potrebbero essere anche disposte sanzioni”.  
Per cui ribadisce Lopane l’attività di questa amministrazione in campo ecologico è notevole: "inizia dalle scuole e continua nelle famiglie a cui è stato proposto un bonus per l’acquisto di pannolini ecologici". 
80 euro saranno date come contributo alle famiglie che acquistino dalle farmacie convenzionate il kit di pannolini ecologico, con involucro esterno riutilizzabile. 
Un sistema di bici pubbliche
prelevabili da cittadini e turisti
Così non manderemo in discarica almeno una tonnellata di rifiuti annue per bambino, che ci costa circa 130 euro solo di conferimento. 
Senza dimenticare il sistema di bici comunali offerto come compensazione dalle imprese delle pale eoliche e le casette dell’acqua presso gli esercizi convenzionati (sempre di aqp) per evitare la plastica delle minerali.
Insomma, sembrano dire Lopane e Calella, non ci si venga ad insegnare cos’è la sensibilità ecologica. 

Nessun commento:

Posta un commento