DIGITA LA TUA MAIL QUI PER GLI AGGIORNAMENTI

lunedì 26 novembre 2012

GINOSA AL CASTELLO NORMANNO CARLO VULPIO E (IN VIDEO) L’EX D.G. RAI M. MASI


di Nicola NATALE
Il Castello Normanno di Ginosa, restaurato in parte con fondi comunali e regionali.
E' ora sede dell'Opificio delle Arti e dei Mestieri in base al programma Bollenti Spiriti della Regione Puglia
Carlo Vulpio, giornalista,
già candidato IDV
Incontro con Carlo Vulpio al Castello Normanno di Ginosa domenica scorsa (25 Novembre). Doveva esserci anche Marcello Masi, già direttore generale della Rai, ma un incidente domestico lo ha trattenuto a Roma: una videoconferenza ha risolto tutto. L’occasione è stata la presentazione del libro del giornalista Carlo Vulpio “Un nemico alla Rai” edito da Marsilio che ripercorre la vicenda di uno dei direttori generali più interventisti. 
In stretta assonanza con lo stile di Sgarbi che ne firma la prefazione l’ex d.g. rivendica il merito di essere stato “forte e libero nelle sue scelte” e di aver avuto contro “il partito Rai”, oltre al sindacato dei giornalisti e dei dirigenti rai. Senza dimenticare i suoi epici scontri con Michele Santoro che culminarono con la famosa telefonata in diretta telefonica e qualche mese dopo alle sue dimissioni avvenute nell’aprile del 2011.  Anche per Masi il problema della Rai sta nella sua estrema dipendenza della politica anche se “guardando ai recenti scandali della BBC si capisce che non c’è un modello ideale”. 
Nemmeno la privatizzazione dei canali Rai a suo avviso risolverebbe il problema della gestione di “un’azienda educativa immensa, che pure fa prodotti notevoli, che dà lavoro a undicimila dipendenti, ma con criteri di selezione e gestione che hanno sempre ubbidito a istanze politiche, quando di non vero e proprio collocamento di categorie altrimenti fuori mercato”. 
Mauro Masi è attualmente amministratore delegato della Consap, una azienda pubblica che gestisce i servizi assicurativi. 
Poi infine l’intervento aspro di Carlo Vulpio che incentra tutto sul suo programma in coppia con Sgarbi cancellato dalla Rai dopo una sola puntata. 
Il giornalista che ha scritto per le più importanti testate nazionali ne ha illustrato puntigliosamente l’attacco subito prima, durante e dopo la gestazione per il solo motivo che lui in coppia con Sgarbi erano “persone non controllabili”. 
Questo il suo convincimento, che documenta anche nel libro con vari documenti allegati, fedele al fatto che anche le opinioni personali vanno provate. 
Vulpio è personaggio sulfureo, scomodo. Il racconto su Maurizio Gasparri che interviene pesantemente sul programma in gestazione per vecchie ruggini suscita un divertito imbarazzo tra il sindaco Vito De Palma, il consigliere delegato alla cultura Vitantonio Bradascio e Angelo Inglese, che grazie alle sue “camicie internazionali” e alla conoscenza con Sgarbi ha posto le basi per l’incontro.
Vito De Palma, sindaco di Ginosa
A realizzarlo ci ha pensato poi il Consorzio Civitas Terra delle Gravine ricevendo apposito contributo dall’amministrazione. 
Il sindaco in coda non ha mancato di elogiare la nuova funzione del Castello destinato a laboratorio di musica, teatro-danza e multimedialità, stigmatizzando l’atteggiamento di alcuni media locali: “per un contributo non ricevuto non possono negare interviste su quanto l’amministrazione fa di buono”. E precisando infine che "con Gasparri siamo amici".

Nessun commento:

Posta un commento