DIGITA LA TUA MAIL QUI PER GLI AGGIORNAMENTI

mercoledì 5 settembre 2012

LATERZA, I DISABILI OSMAIRM INCONTRANO IL MEDIOEVO. La rievocazione trasformata in un evento


di Nicola NATALE
Laterza,  Osmairm.  La conferenza di presentazione dell'"Officina" tenutasi presso la nuova sede
Un tuffo spettacolare nel medioevo con 80 attori, ospiti del centro di riabilitazione psico-motoria di Laterza. 
I disabili saranno contemporaneamente spettatori e protagonisti di una “storia vivente” che li proietterà al centro di una rievocazione storica di un borgo medioevale nella serata di venerdì 7 settembre (ore 19:30)
E’ veramente entusiasta Nunzia Minei, coordinatrice del progetto “living  history Osmairm” che si terrà presso la sede totalmente rinnovata di Via Cappuccini. 
L’interesse degli  ospiti dell’Osmairm per la storia di Lancillotto e Ginevra ha spinto la dr.ssa Minei - ed un ampio gruppo di associazioni e collaboratori - a ricreare per loro e con loro “la vita nel feudo” consolidando un filone della rievocazione storica sempre più in auge.
Uno spaccato della vita sociale dell’epoca che è stata appresa dai pazienti con i loro ritmi ed i loro tempi “ma con una gioia ed un’autodisciplina per le prove che mi hanno veramente colpito” ha concluso la coordinatrice. 
Incastonate nello spettacolo varie performances, tra cui una su Federico II e la principessa Bianca Lancia. Previste la declamazione di alcuni versi della Divina Commedia e danze medioevali. Di rilievo le collaborazioni con altre associazioni culturali per arricchire l’evento.
In questo progetto è presente Castellaneta con l’associazione La Ribeca - autrice dell’omonima rievocazione - rappresentata dalla professoressa Maria Carla Cassone, Altamura con l’Accademia “Obiettivo successo” rappresentata dal direttore artistico Cinza Sissi Clemente, Cassano Murge con l’accademia Teatrale i Malavoglia rappresentata da Giuseppe Carrasso. 
Quindi uno spettacolo che è andato molto oltre la tradizionale attività didattica riservata agli ospiti diventando un vero happening. 
A sottolineare la valenza esterna dell’evento, oltre alla dirigente Clemy Pentassuglia, amministratrice dell’Osmairm,  la presenza dell’amministrazione comunale laertina con il sindaco Gianfranco Lopane ed alcuni consiglieri comunali.

Nessun commento:

Posta un commento