DIGITA LA TUA MAIL QUI PER GLI AGGIORNAMENTI

giovedì 30 agosto 2012

MARINA DI GINOSA, SPIAGGIA DEDICATA ANCHE AI CANI?


di Nicola NATALE
Un posto anche per fido al mare. 
E’ così che esordisce Lucia, turista settentrionale, lanciando un messaggio all’amministrazione comunale ed ai lidi. 
“Abbiamo dovuto fare un lungo giro per portare il nostro cioco (un labrador di pochi anni) in un tratto meno frequentato, ma si è scottato le zampe nel lungo tragitto sulla sabbia”. 
Aumenta esponenzialmente il numero di persone che si carica volentieri del fardello di allevare un cane, altamente ripagate dalla sua fedeltà assoluta e dal suo affetto. 
Vogliamo condividere i bei momenti sulla spiaggia con il nostro cane e sarebbe una maniera per valorizzare ulteriormente queste vostre belle spiagge”. 
Insomma i turisti si fanno sempre più esigenti, ma il litorale sabbioso di Marina di Ginosa, pur lungo oltre 5 chilometri, è occupato da una quota sempre crescente di lidi privati.  
Le aree per la balneazione libera si vanno sempre più riducendo e ponendosi agli estremi dei punti di accesso.
Nei periodi di punta, lo spazio si fa esiguo anche per gli umani quindi destinare una zona alla balneazione con cani sarebbe un’operazione apprezzatissima dagli amanti degli animali, ma altamente disapprovata da coloro che, di fare il bagno in compagnia dei quadrupedi, proprio non ne vogliono sapere. 
Intanto in tutta Italia si estende la discussione sul tema,  con spiagge pubbliche e private che concedono il permesso ed altre che lo negano con tutta la ricca giurisprudenza del caso. 
In Puglia a Vieste e Melendugno due spiagge private offrono il servizio. 
Il litorale marinese sembra non bastare mai, almeno a Luglio ed Agosto, mentre ridiventa un’oasi di pace negli altri mesi. 
Forse è il caso di pensare allora al recupero alla balneazione di tutta l’area a sinistra del Lido della Capannina  fino alla spiaggia di Riva dei Tessali, attualmente priva di punti di accesso per la presenza della ferrovia, della pineta chiusa regionale al pubblico e perciò sempre semivuota.  
Ciò consentirebbe di distribuire uniformemente l’enorme carico umano che si riversa al mare nei mesi di Luglio ed Agosto, ma anche qui ci sono da superare problemi non da poco. 
Qualche proprietario di lido lungimirante forse potrà pensare anche a questa particolare nicchia di mercato. Per il momento conquistare una vacanza al mare per fido non sarà facile. Come del resto è tutt’ora per molti, troppi umani.

Nessun commento:

Posta un commento