DIGITA LA TUA MAIL QUI PER GLI AGGIORNAMENTI

lunedì 6 agosto 2012

MARINA DI GINOSA: “MANDATE VIA GLI INDIANI”.

di Nicola NATALE
Marina di Ginosa - Viale Jonio all'imbrunire
Marina di Ginosa alle prese con l’intolleranza. 
Questa volta l’invito arriva esplicito sulla bacheca facebook dell’Amministrazione Comunale: fate sgomberare “gli indiani” da viale Jonio, l’arteria principale del passeggio e dello shopping  marinese.  
Il post scritto dalla signora Myriam Pistoia raccoglie pochi commenti e consensi, ma è spia di un risentimento abbastanza diffuso. Avversione dovuta al fatto che i venditori ambulanti approfittano del fine turno dei vigili urbani per sistemare le mercanzie. 
Marina di Ginosa
un particolare di Viale Jonio
Tra un invito al controllo da parte della finanza e un’esortazione veemente al sindaco Vito De Palma ad agire, sembra che gli immigrati non siano sempre i benvenuti a Marina di Ginosa. 
Anche se in posizione centralissima è sistemato un mega-store che reca orgoglioso l’insegna “bangladesh bigiotteria” e qualche centinaio di metri più avanti è presente un grande magazzino cinese che espone, a scanso di equivoci, le sue lanterne rosse.
Un altro locale di abbigliamento con look occidentale, sempre in viale Jonio,  è  gestito da un’abilissimo commerciante di chiara provenienza asiatica. 
Particolarmente avversati gli ambulanti senza licenza, che vendono merce di scarso valore, ma anche i comportamenti tenuti dagli immigrati come inquilini. 
Un gestore racconta di comportamenti “da padroni ed arroganti” tenuti dai musulmani di lingua araba nel suo bar.
La non comprensione o la deliberata inosservanza delle nostre etichette, hanno fatto saltare la pazienza alla più multiculturale delle persone tanto da indurla a confessare: “fra gandhi ed hitler passa una linea immaginaria sottile che io sto percorrendo”. 
Sotto accusa anche gli estremismi derivanti dalla religione.
Il risentimento non interessa solo gli stranieri: sono richiesti provvedimenti all’amministrazione anche per “fruttivendoli e commercianti abusivi che danneggiano i commercianti onesti”. 
La mancanza di una politica efficace di integrazione culturale e le difficoltà economiche, rischiano di creare fossati profondi tra residenti di lungo corso e nuovi arrivati. 
Tuttavia, accanto alle spie di allarme, ci sono anche segnali rassicuranti come quelli dati dalla manifestazione gi.ri d’arte volutamente multiculturale prevista per stasera (7 Agosto)  alle 20:30 nell’intero centro storico. 
Tra le tante iniziative, spazio dedicato anche al Marocco, dove i marocchini  residenti a Ginosa faranno conoscere le loro tradizioni e i loro costumi.

Nessun commento:

Posta un commento