DIGITA LA TUA MAIL QUI PER GLI AGGIORNAMENTI

martedì 28 agosto 2012

INCENDIO AL BOSCO VENUSIO. FUMO VISIBILE DA GINOSA


di Nicola NATALE
Il fumo visibile dal quartiere Orti di Ginosa
Il vento e la siccità mettono ancora una volta in azione i piromani. 
Ancora un altro, vastissimo incendio si è sviluppato nel bosco Venusio intorno all’una di pomeriggio. Il fumo era chiaramente visibile da alcune case presso via Matera a Ginosa ed erroneamente si è pensato ad un nuovo incendio in contrada Palombaro, già interessata da un altro disastroso incendio il 15 giugno scorso. 
I volontari della protezione civile di Ginosa sono stati allertati dalla sala operativa di Bari. In serata sono rimasti a dar mano forte alle altre squadre lucane, impegnate nello spegnimento e nel controllo di ciò che rimane della vegetazione. 
Sono intervenuti ben due canadair per limitare i danni ingentissimi al patrimonio boschivo, ormai sempre più esiguo e decimato da quello che sarà ricordato come l’anno nero per le foreste di Puglia ed anche Basilicata. 
L’incendio si è propagato dalla contrada Bruna di Matera come ci ha confermato Giuseppe Ungherese del SER Help 27. 
Nel frattempo, sempre nel pomeriggio di martedì 28, un altro incendio è stato nuovamente appiccato in contrada Fiumicello, l’unica zona realmente verde rimasta in un territorio devastato più che dalla siccità dalla mano dell’uomo. 
A questo punto è necessario un piano pubblico efficace per la tutela del verde rimasto e un meccanismo che premi chi nell’area di sua competenza realizzi l’obiettivo del minimo tecnico di aree incendiate. 
Nel frattempo vanno indagate le cause psichiatriche o gli interessi che muovono gli incendiari, che probabilmente non comprendono nemmeno la gravità e l’irreversibilità a medio termine del gesto compiuto.

Nessun commento:

Posta un commento