DIGITA LA TUA MAIL QUI PER GLI AGGIORNAMENTI

venerdì 8 giugno 2012

GINOSA. IL SINDACO: "SU DI ME SOLO CONTUMELIE". L'OPPOSIZIONE CON GIANNICO LO ATTACCA SULLA DIFFERENZIATA.

di Nicola NATALE
Vito De Palma, sindaco di Ginosa
E’ tutta tra marinesi l’ultima querelle politica. 
Enzo Giannico, consigliere comunale della minoranza pd dà del “pasticcione” al sindaco di Ginosa Vito De Palma e quest’ultimo non esita, sia pure in maniera ufficiale, a rispondergli per le rime. 
Materia del contendere l’appalto dei rifiuti prorogato più volte all’associazione di imprese Avvenire SI.E.CO. e finalmente affidato alla Teknoservice s.r.l. con sede legale a Piossasco (Torino) e sede operativa a Marconia in provincia di Matera. 
Per Giannico, come scriveva  il Quotidiano, la rescissione del contratto all’Avvenire è stata dichiarata nulla dal TAR il 1° Giugno, mentre per il Sindaco si tratta solo di una sospensione degli effetti di quella delibera fino al 13 Giugno.
Per la minoranza questa sentenza - con la delibera riformata per effetto della sentenza del Tar - è la certificazione del fallimento delle politiche sui rifiuti portata avanti da De Palma con il non raggiungimento delle percentuali minime di differenziata e con l’ulteriore aumento di tasse.
Il consigliere comunale del PD, Enzo Giannico
 Per il Sindaco la tanto contestata delibera n.129 del 29 Maggio 2012 andava proprio nella direzione di iniziare da subito con la raccolta differenziata “spinta” effettuata a domicilio. Abbandonando quindi la pratica di far conferire i rifiuti negli appositi contenitori stradali. A breve dice De Palma il servizio partirà ed i “profeti si sventura” saranno smentiti. 
Ma il sindaco non si ferma e dopo aver contestato alla Provincia di Taranto il mancato pagamento dello stato di avanzamento lavori della circonvallazione sud di Ginosa il cui blocco totale ha nuovamente fatto impazzire il traffico ginosino, riporta l’attenzione sullo staff della stessa Provincia di Taranto.
Perché dice De Palma la stessa “non ha ancora proceduto a diminuire la spesa per lo staff, forse perché vi sono illustri personaggi che sono legati al potentato del PD locale e che non possono subire diminuzione di lauti stipendi”? 
Io - ribatte De Palma alle accuse di “piccolo despota” e di “furore ideologico” avanzate da Giannico - sono un onesto servitore dello Stato rispettoso della legge ed anche di un’opposizione sempre più aggressiva ed accecata dalla rabbia per aver perso per la terza volta consecutiva le elezioni amministrative. 
La discarica della Cisa di Massafra
Sullo sfondo la vittoria al Consiglio di Stato della Cisa, proprietaria della discarica di Massafra, per quanto riguarda l’aumento della tariffa di conferimento che era stata contestata dal Comune di Ginosa. Ciò dovrebbe significare un ulteriore salasso (si parla, ma sono solo voci appunto,  di 6-700mila euro) per le casse comunali. 
Ma di questo non c’è traccia nelle note stampa anche se è probabile che ne sentiremo parlare a breve.

Nessun commento:

Posta un commento