DIGITA LA TUA MAIL QUI PER GLI AGGIORNAMENTI

sabato 2 giugno 2012

BIKE SHARING. L'ESPRESSO CITA UN'INDAGINE DI ECO-LOGICA!

di Nicola NATALE
Ufficio Stampa ECO-logica
Postazioni di bike-sharing ad Adelfia (Bari) fornite grazie alla consulenza di Eco-logica
Muoversi con la bicicletta.
Tutti sono concordi sull’estrema praticità, economicità e sostenibilità delle due ruote, ma il fascino e la comodità dei mezzi motorizzati tengono duro.
Per questo si è pensato di introdurre un sistema di trasporto urbano basato sulla condivisione di biciclette pubbliche: bike sharing.
Il primo esperimento d’avanguardia è  ad Amsterdam nel 1965. Un gruppo di attivisti mette a disposizione un certo numero di biciclette bianche ma finiscono quasi tutte nei canali o rubate. Trent’anni dopo a Copenaghen, in Danimarca ci riprovano. Serve una monetina per il prelievo della bicicletta, ma ci sono ancora furti: le biciclette sono ancora troppo simili a quelle comunemente in uso. Poi a Lione in Francia il boom nel 2005. 50 stazioni con 3.000 bici e di lì a valanga in tutta Europa.
E in Italia?
L’indagine di Eco-logica, società di ingegneria e consulenza ambientale si propone di smuovere il dibattito in questo settore ed analizzare vantaggi e svantaggi dei due sistemi di bikesharing attualmente in uso in Italia.
Sono dati aggiornatissimi che fotografano la situazione nei primi mesi del 2012.
Innanzitutto in Italia vi sono due principali società che si occupano di bike sharing: C’entro in bici e Bicincittà.
L’una con sede a Ravenna e l’altra con sede a Rivalta di Torino. La prima predilige il sistema meccanico, l’altra quello elettronico. Cambia la modalità di prelievo, d’uso e riconsegna della bici.
Entrambi i sistemi hanno vantaggi e svantaggi. 
In Italia sembra più diffuso il sistema elettronico, nonostante i più alti costi di impianto, di gestione e di manutenzione. Quasi mai però sopportati da Comuni, Province ed anche Università che in genere attingono a finanziamenti europei.
Ma vediamo cosa succede nelle grandi città italiane con l’indagine condotta da Eco-logica.
A Roma attualmente il sistema è in fase di stallo ammette il 3 Febbraio 2012 Manuela Quario dal servizio clienti Bicincittà.
Roma Capitale manifesta l’intenzione di bandire una nuova gara con l’obiettivo di recuperare il gap con le altre capitali europee dopo il furto di 400 bici che ha messo in ginocchio il sistema.
Impossibile sapere se l’acquisto di altre 200 biciclette è andato in porto, mentre le colonnine (cicloposteggi) sono state recuperate al parcheggio selvaggio.
Bicincittà concessionaria del servizio replica alle accuse di fragilità del sistema: “in alcun modo la sottrazione di veicoli dell’intero parco bici a disposizione del servizio è da imputarsi alle caratteristiche tecniche del sistema fornito”.
Il Piano di Espansione a Roma del Bike sharing prevedeva secondo la Relazione sullo Stato Ambientale elaborata dal Dipartimento Ambiente 300 stazioni entro il 2016.
La prima città italiana a rispondere all’indagine  è Milano, con Chiara Bovo, responsabile della Clear Channel Jolly Pubblicità spa con sede a Noventa, nel Padovano.
Milano -  con poco più di quattro milioni di euro - si assicura nel 2008, 1.800 biciclette.
I mezzi sono  del tipo smartbike card contactless prelevabili con una scheda magnetica. Costo di acquisto dice la tabella ufficiale 700 euro a bici e 2.000 euro di costo di gestione.
La seconda città italiana a rispondere è Bari: con 265.000 euro si assicura 60 biciclette a partire dal 2007.
L'articolo dell'Espresso del 7 Giugno 2012
I dati forniti dall’Amtab, la municipalizzata che gestisce il servizio, omettono però il costo medio a bicicletta. Ma se si divide grezzamente l’importo speso per il numero di biciclette il dato è impressionante: 4.416 euro a bicicletta.
Dato però che va preso con le molle: probabilmente bisogna togliere le spese di progettazione, di installazione delle stazioni e  la mancanza di introiti pubblicitari come invece previsto e possibile a Milano.
Anche  il sistema barese è in concessione a Bicincittà della Comunicare s.r.l. con sede a Rivalta di Torino.
La stessa ditta lo ha in concessione ad Andria, una delle città capoluogo della neonata provincia pugliese di Barletta, Andria, Trani.
A contrastare lo strapotere di Bicincittà/Comunicare c’è un’altra società italiana fornitrice di sistemi di bike sharing: la C’entro in bici s.r.l. con sede a Ravenna ed marchio bybike per il sud Italia di Eco-Logica di Bari.
Quest’ultima propende esplicitamente per il sistema meccanico e ne spiega i perché nel suo sito ma il confronto risulta evidente mostrando alcune delle tabelle compilate relative alle 95 città in cui è in uso il servizio. 
A Bologna per esempio, città da 380.000 abitanti, sono in funzione 192 biciclette con un costo di appalto pari a 150.000 euro. Il sistema è gestito dalla ATC SOSTA SPA. Il costo medio non supera i 795 euro, le bici si prelevano tramite una chiavetta ma devono, a differenza del sistema elettronico, essere riconsegnate nello stesso punto in cui sono prese. In compenso il loro uso è gratuito,  la manutenzione agevole.
Soprattutto dicono dalla C’entro in bici, il sistema elettronico mostra le sue debolezze già con la pioggia. Bisogna ripararsi,  lasciare subito la bicicletta, ma i cicloposteggi  che prevedono un attacco di tipo elettrico possono essere tutti occupati.
Non a caso a Parigi, dove il sistema sembra funzionare bene hanno organizzato un sistema di riposizionamento delle bici per evitare stalli vuoti o tutti occupati. Nel primo caso si rimane senza bici, nel secondo si rimane con una bici di cui non ci si può disfare, mentre il costo orario, stabilito proprio per favorire la condivisione corre.
Se si è in città cosa c’è di più comodo che prendere la bici, anche con la stessa chiave in città diverse, sbrigare i propri affari e poi rimetterla a posto tornando a casa propria, alla propria auto o in stazione? In realtà i sistemi obbediscono a logiche diverse, entrambe valide,  ma non c’è dubbio che il sistema elettronico che ha il vantaggio di far lasciare la bici dove si vuole e consentire un monitoraggio in remoto, cozza con gli alti costi di manutenzione.
Ma tant’è proseguiamo con la nostra indagine.
Palermo, la più grande città del Sud, non ha ancora il bike sharing ma è prevista la sua attivazione entro l’estate. Sono previsti entro l’estate - dice l’Associazione Mobilità Palermo - 23 cicloposteggi per biciclette tradizionali ed a pedalata assistita. 200 le biciclette da installare secondo una delibera del Comune di Palermo. Per posizionare i ciclo posteggi si è addirittura realizzato un sistema WebGis per avere la mappa degli spostamenti più frequenti. Ma intanto l’Università di Palermo parte con un servizio all’interno del campus.
Le bici installate dalla Provincia di Foggia
Virtuosissimo il Comune di Udine che dichiara un costo medio di 400 euro a bicicletta pur con sistema elettronico. Nel Comune friulano le 55 bici sono attive dal Luglio del 2009 con un costo di 240.000 euro come testimoniano dall’Unità operativa Tecnica dedicata al traffico.
I costi si innalzano a Brescia dove - dicono da Brescia Mobilità spa - le 250 bici in servizio costano ognuna circa 1.150 euro annue,  dividendo il costo complessivo per il numero di biciclette. Anche qui il sistema è quello di Bicincittà, mentre il gestore è Sintesi S.p.a..
Ciclo combinato a La Spezia dove a fronte di 65.000 euro pagate dall’Amministrazione si sono ottenute 140 biciclette gestite da Comunicare/Bicincittà, in partenariato con la società partecipata comunale dei parcheggi. Qui il costo bicicletta è sceso a 464 euro poiché la società ha ottenuto la possibilità di installare pannelli pubblicitari.
Curioso il caso di Lecce, capitale del barocco pugliese: ha un sistema Bicincittà ma gli Uffici gestori non rilasciano dati. La società che gestisce il servizio, tramite Ugo Guacci ci fa sapere che dobbiamo rivolgerci all’ing. Sergio Aversa, dirigente del settore mobilità. Non riceviamo risposte, nonostante siano state sollecitate in ogni modo. Agli stessi risultati era arrivata l’inchiesta di una testata locale: impossibile ottenere i dati.
Molto articolato il sistema attivo a Torino. Anch’esso affidato a Bicincittà/Comunicare. Qui si parla di costo-stazione pari circa a 17.000 €uro. Le stazioni al Gennaio 2012 sono 70, ma ne sono previste entro il 2013,  174. Il costo medio a bicicletta ed il costo complessivo non sono indicati ma “per 12 anni viene affidato il servizio comprensivo di sfruttamento commerciale della superficie pubblicitaria messa a disposizione dalla Città”. Come si vede dunque uno spaccato luci ed ombre che indica quanto bisogna fare ancora per convincere gli italiani a pedalare e le Amministrazioni a spendere oculatamente i contributi a disposizione.

Nessun commento:

Posta un commento