DIGITA LA TUA MAIL QUI PER GLI AGGIORNAMENTI

lunedì 14 maggio 2012

AUTO GIU’ NEL TERRAPIENO, ILLESO IL CONDUCENTE

dall'articolo del Quotidiano del 14 maggio 2012
di Nicola NATALE
Via Puglie, Ginosa. Le transenne che delimitano il terrapieno sottostante
Catastrofico incidente ieri in Via Puglie. 
Verso le otto di mattina l’auto condotta da un uomo di Laterza ha sfondato la ringhiera di protezione della stazione di servizio IP, finendo nel terrapieno sottostante.
Distrutta l’auto che è poi stata recuperata grazie ad un carro attrezzi, con la presenza dei Vigili del Fuoco, il pronto intervento del 118, dei Carabinieri e della Polizia Municipale. 
L’impatto che ha squarciato il silenzio della domenica mattina ha fatto uscire tutti sui balconi. 
Chiara la dinamica poiché si sarebbe trattato di un sorpasso effettuato dall’auto al furgone in proprietà dei F.lli Ranaldo. 
Mentre il conducente del furgone stava svoltando a sinistra per immettersi nella stazione, l’auto ha iniziato il sorpasso impattando con il cofano del furgone, abbattendo la ringhiera e poi finendo con l’uomo all’interno nel terreno sottostante. 
Il dislivello non è eccessivo e questa circostanza ha fatto sì che l’impatto sia stato senza conseguenze per il conducente dell’autovettura. Evitato anche il muretto in cemento che delimita parzialmente il terrapieno. 
Anche il conducente del furgone se l’è cavata con un grosso spavento. 
L’uomo con l’autovettura, che lavora a Montalbano Jonico, si stava recando a Laterza dove avrebbe festeggiato la comunione della figlia. Invece è stato ricoverato in  osservazione all’Ospedale di Castellaneta ma non pare che le sue condizioni abbiano mai destato preoccupazioni. 
La dinamica potrà esser chiarita meglio anche dalle telecamere della stazione, posta in un’arteria centrale per l’accesso e l’uscita da Ginosa, che è spesso teatro di incidenti, ma con dinamiche sempre diverse.
 I tempi lunghi dei semafori e il lungo incrocio che attraversa tutto il quartiere san Leonardo, spingono gli automobilisti ad accelerare per guadagnare l’uscita. 
Ciò ha causato alcune proteste tra i residenti che vedono sfrecciare le auto, ma a quanto pare non si è ancora trovata una soluzione adatta. 
Pare che il tratto di strada, benché all’interno del centro abitato sia di competenza della Provincia, perché ricompreso nella ex statale 580. Ciò avrebbe impedito l’installazione di dossi rallentatori.

Nessun commento:

Posta un commento