DIGITA LA TUA MAIL QUI PER GLI AGGIORNAMENTI

23 dicembre 2011

TOGLIERE L’ICI AI TERRENI NON EDIFICABILI? NIET DEL COMUNE


di Nicola NATALE
La nuova sala consiliare del Comune di Ginosa inaugurata nel 2011
Niente da fare per i cittadini vessati dall’ICI. 
Continueranno a pagarla, anche se i terreni non sono edificabili. Lo ha ribadito l’ultimo Consiglio Comunale di mercoledì 21  Dicembre modificando sostanzialmente la mozione presentata da alcuni consiglieri di minoranza che ne chiedeva l’abbattimento del 70%. 
E questo anche se il primo cittadino, Vito De Palma ha parlato esplicitamente di tributo “iniquo ed intollerabile”.  
Si nominerà una commissione per lo studio del problema ma con il solo intento di accelerare l’iter dei piani particolareggiati affidati ai tecnici. Appuntamento con questi ultimi al 7 Maggio 2012. 
Un iter che non porterà comunque in tempi brevi all’edificabilità, perché bisogna farsi approvare i piani dalla Regione e poi ancora dal Consiglio. 
C’è insomma la quasi certezza di pagare l’Ici per altri 10 anni oltre ai 9 già trascorsi, prima di avere effettivamente in mano un “suolo”. 
Con situazioni molto differenziate giacché il Sindaco ha rimarcato “l’alto valore dei terreni lungo viale Italia già ampiamente urbanizzato” rispetto ad altre aree tassate alla stessa maniera ma senza alcuna urbanizzazione. 
Insomma il classico garbuglio burocratico nel quale sono rimasti schiacciati i proprietari, molti dei quali hanno dovuto indebitarsi per pagare l’ICI. Somme arrivate in qualche caso anche a 20.000 euro, che hanno portato a fermi amministrativi  e provvedimenti di riscossione coatta.  Un salasso che in alcuni casi arriva anche a 1.400 euro per "suoli" di una certa estensione ma non appetibili perché lontani dalle aree urbanisticamente attrattive. 
Alcuni membri del comitato marinese
Una situazione esplosiva eppure affrontata con molta signorilità da parte del Comitato per la revisione ICI per il quale si è espresso Damiano Piccolo. Per quest’ultimo il Comune dovrebbe “rifare la tavole e rivedere i comparti del Piano regolatore generale” i cui termini sarebbero scaduti dando luogo quindi alla illegittimità della pretesa comunale. 
Nella mozione discussa nel Consiglio del 21 Dicembre non era inserito - a parere della maggioranza di centrodestra - da dove recuperare il minor gettito derivante dall’abbattimento del 70% dell’imposta come chiedeva la minoranza consiliare (Pd e Lista Inglese)  per questo, oltre la nomina di una Commissione, la maggioranza non si è spinta. 
Il timore è anche il contenzioso che si verrebbe a formare per gli anni pregressi giacché dal 2002 i valori dei terreni furono adeguati da una delibera comunale ai prezzi di mercato. Prezzi ineccepibili a tavolino, ma che cozzano con i reali valori di mercato. Una patata bollentissima dove si intravede una certa riluttanza a rendere immediatamente edificabili le aree rese edificabili dal PRG, ma ad utilizzarle senza scrupoli per fare cassa. Una precisa volontà politica secondo il dr. Ennio Volpe ex capogruppo di Forza Italia, presente tra il pubblico. 
Il Consiglio ha poi approvato anche la nuova gara per le mense comunali adeguando il costo riconosciuto all’impresa e impegnandosi ad allargare il numero degli esenti in base al reddito.  
In ultima analisi è spuntato come punto aggiuntivo la nomina di una commissione comunale urbanistica che dia un parere non vincolante sui progetti edilizi sottoposti all’Ufficio Tecnico. La commissione non si occuperà delle richieste di agibilità. Ne faranno parte tutti i capigruppo e il Sindaco.

Nessun commento:

Posta un commento