DIGITA LA TUA MAIL QUI PER GLI AGGIORNAMENTI

29 dicembre 2011

ANCORA UN ALTRO INCIDENTE, CONTINUA LA STRAGE SULLE STRADE

dall'articolo apparso sul Quotidiano del 28 Dicembre 2011

di Nicola NATALE
In serata pochissime persone sapevano dell’accaduto. 
Rosario Festa, 51 anni, ha perso la vita a causa di un incidente stradale sulla strada che da Ginosa conduce a Bernalda, la strada provinciale 2. 
Il sinistro è verosimilmente accaduto intorno alle 15:00 e comunque  nel primo pomeriggio di martedì 27 Dicembre. 
Il commerciante ambulante, noto a chi frequenta il mercato del giovedì di Ginosa, sarebbe deceduto mentre veniva trasportato all’Ospedale di Castellaneta, altre fonti asseriscono invece sia spirato già dopo l'impatto. 
L'uomo che lascia una fidanzata e tanti affetti familiari, pare fosse solito sistemarsi agli inizi di Viale Martiri D’ungheria. 
L’incidente è avvenuto a poca distanza  dall’ex stabilimento Vianini, in disuso dopo aver prodotto per anni tubi in cemento. 
Per cause ancora tutte da precisare, il furgone condotto dal signor Festa, un Iveco Daily, é uscito fuori strada schiantandosi contro un muretto di delimitazione. 
La provinciale 2 non è una strada ad alta percorrenza ed è pressoché priva di curve. 
Ciò ha scatenato una serie di ipotesi sulle probabili cause dell’incidente. 
Rosario Festa non era solo sul mezzo, con lui viaggiava il nipote 14enne per il quale si è attivata subito la rete di intervento interregionale. 
Dopo essere stato soccorso dai sanitari del 118 è stato elitrasportato all’Ospedale San Carlo di Potenza dove si trova ancora oggi in coma farmacologico presso il Reparto Rianimazione. 
Il giovane ha riportato una frattura cranica, una vasta ferita alla faccia ed una contusione polmonare. La prognosi è riservata. 
I carabinieri sono accorsi subito per i  primi rilievi dell’incidente. Anche la Polizia Municipale è giunta sul posto per assicurare la viabilità dopo che un carro attrezzi proveniente da Ginosa aveva rimosso l’automezzo. Al cordoglio dei familiari si unisce il nostro.

Nessun commento:

Posta un commento