DIGITA LA TUA MAIL QUI PER GLI AGGIORNAMENTI

28 luglio 2011

UN IMPERATIVO, DIVERSIFICARE L’IMPRESA AGRICOLA Con piccole strutture ricettive, il GAL mette a disposizione 3 milioni di €

LATERZA 25 LUGLIO 2011
Presentazione del Bando per piccole strutture ricettive locali a Laterza nell'Auditorium presso la ex Chiesa del Purgatorio.
Da sx la dr.ssa Feliciana Punzi, il commercialista Giacomo D'Alena, Barbara Gambillara consigliere di parità della Provincia di Taranto, il Sindaco di Laterza Gianfranco Lopane, la vice Mimma Stano, il consigliere comunale di parità Mimma Bruno
































di Nicola NATALE

Vendere l’atmosfera della campagna, non più o non solo i suoi prodotti: è il turismo rurale. “Scappo dalla città” diceva un titolo di un famoso film con Billy Crystal del 1991: tendenza poi diventata generale per le vacanze. Sono disponibili per bando pubblico 80.000€ per la creazione di strutture di piccola ricettività e 10.000€ per la promozione del turismo rurale. Con modalità illustrate efficacemente dal sito del GAL “luoghi del mito.it”, di cui i tecnici in ogni Comune sono ben informati, basta citare la misura 313 azione 4 e 5 con scadenza al 15 Settembre. Le donne possono interpretare alla grande questa opportunità: cambiare le sorti dell’impresa agricola, distrutta al Sud dai prezzi irrisori con cui sono venduti i prodotti sulla pianta. Quando sono venduti. Il Bando per il turismo e sviluppo rurale gestito dal Gruppo di Azione Locale GAL Luoghi del Mito con sede a Mottola, presidente Paolo Nigro della Coldiretti, mira quindi per espressa previsione del Fondo Europeo agricolo sviluppo rurale a riqualificare la produzione perché possa tornare a dar reddito e occupazione. Non a caso a presentare il Bando lunedì scorso presso l’Auditorium del Purgatorio, una ex Chiesa restaurata, oltre all’addetta alla comunicazione dr.ssa Feliciana Punzi erano presenti Barbara Gambillara consigliera di parità della Provincia di Taranto e Mariella Bruno, consigliere alle Pari Opportunità del Comune di Laterza. Ma tutta l’Amministrazione di Laterza con il Sindaco Gianfranco Lopane e la vice Mimma Stano era presente a sottolineare la sintonia con il GAL al cui Bando si affiancherà un altro Comunale in attuazione della Legge Regionale sugli alberghi diffusi. “E’ straordinario che coincidano le due cose” ha detto l’arch.Toni Gallitelli, consigliere comunale delegato al marketing ed ai beni culturali. “Abbiamo anche un noi un bando per seconde abitazioni o parte della prima casa da destinare a piccola ricettività. Possiamo riqualificare l’offerta turistica laertina poiché perdiamo gran parte dei visitatori della straordinaria OASI LIPU della Gravina di Laterza.” Di fatti la più selvaggia e paradossalmente la più curata tra quelle dell’arco jonico, meta di bird watcher ed amanti della natura. Che se ne vanno però senza aver assaggiato la mitica carne al fornello e scoperto la Cantina Spagnola o la Cripta del Santuario o la Fontana del 1500. L’essenziale ha proseguito Gallitelli “avere progetti di sistema che si muovano nell’ottica dell’area vasta”. E non potrebbe essere diversamente poiché il GAL ormai annovera tutti i 7 Comuni del versante occidentale della Provincia di Taranto e rappresenta dal 2003 il gestore unico del Leader+, il programma europeo per lo sviluppo delle zone rurali svantaggiate con 60 soci, un capitale prevalentemente privato e con la forma giuridica della società consortile. Con una dotazione di 12 milioni di € per l’intero Piano di Sviluppo Locale.  Cifra apparentemente enorme, una goccia nel mare del reddito e dell’occupazione persi in agricoltura. (Riproduzione riservata Articolo pubblicato sul Quotidiano del 26 Luglio 2011)

Nessun commento:

Posta un commento