DIGITA LA TUA MAIL QUI PER GLI AGGIORNAMENTI

venerdì 11 luglio 2014

LATERZA, RITORNO AL PASSATO CON "LA CACCIA AL CINGHIALE".


Laterza - Rievocazione storica
Ritornano le rievocazioni storiche a Laterza.
Questa sera alle 20:30, venerdì 11 Luglio,  sarà la volta della terza edizione della "Caccia al cinghiale con falconiere"a cura dell'associazione “Studio e ricerca storica sulle maioliche in Terra d’Otranto”.
Si tratta di una rievocazione storica ambientata rifacendosi alla vita laertina nel XVI – XVII secolo” così come rappresentata da un piatto in maiolica risalente alla prima metà del '600. 
LATERZA - Un piatto in maiolica con scene di caccia (1600 d.C)
Questo piatto attribuibile - attribuibile alla famiglia Gallo - e decorato seguendo lo stile compendiario che tendeva a ridurre all'essenziale le decorazioni, rappresenterebbe il marchese di Laterza ed altri nobili. Questa è la tesi sostenuta dall'associazione che si occupa della valorizzazione della maiolica artistica, sia antica che contemporanea che cita un'altro piatto simile custodito in una collezione privata.
Si ripercorrono quindi le gesta del II° Marchese di Laterza, Don Giovanni Battista D’Azzia I°, che eredita le terre e il titolo di grande di Spagna.
"A lui si deve la trasformazione del castello di Laterza – il palazzo residenziale rinascimentale" dicono Felice De Vietro e Domenico  Rizzi, rispettivamente presidente e vicepresidente dell'associazione. 
Sembra che uno degli "hobby" del marchese fosse proprio la caccia al cinghiale con falcone. E usava invitare, durante le sue battute di caccia, i nobili suoi amici dei paesi limitrofi, con i quali organizzava, al ritorno, dei banchetti conviviali accompagnati da intrattenimenti di musici e giocolieri, come era usanza in quel tempo. Proprio come nel piatto ormai celebre. 
Per questa terza edizione ci saranno comparse vestite con abiti d'epoca realizzati dalla "sartoria teatrale" Mariella Tamborrino sulla base di uno studio condotto da Angela Tucci.
E' confermata inoltre l'esibizione con tanto di spari dei "fucilieri" di Cava dei Tirreni con le loro armi che riproducono i modelli a tromba oltre a quella di musici,  sbandieratori e carrozze d'epoca.
Il corteo storico, composto da  destrieri,  falconieri, balestrieri, arcieri, lancieri, guardie, fanti, tamburini, trombettieri partirà da  via Roma, per proseguire lungo piazza Vittorio Emanuele – dove ci sarà l’esibizione degli sbandieratori e proseguirà fino in Piazza Plebiscito, dove si esibiranno i “fucilieri” con l“l’incendio” simulato  del palazzo.

Nessun commento:

Posta un commento