DIGITA LA TUA MAIL QUI PER GLI AGGIORNAMENTI

sabato 8 marzo 2014

BARBARI IN AZIONE: AMIANTO E RIFIUTI NELLE CAMPAGNE.


Amianto e rifiuti: gli ultimi abbandoni in contrada fiumicello
QUOTIDIANO DI PUGLIA 8 MARZO 2014
di Nicola NATALE
I vandali continuano indisturbati a rovinare il paesaggio ginosino. 
L’ultima contrada presa di mira è  Fiumicello, sulla strada che collega Ginosa a Bernalda, quest’ultima in provincia di Matera.
Facendo un giro per la strada si rinvengono cumuli di coperture in eternit che come è risaputo contengono fibre di amianto nocive per la salute. L’allarme sulla pericolosità di questi abbandoni è stato più volte lanciato, ma i costi di smaltimento inducono i più a disfarsene violando la legge.
Intervenire dopo è molto più complicato anche perché quel tipo di rifiuti non possono essere smaltiti come gli altri ed incidono sui costi comunali. 
Ma sono anche i resti di attività edilizie ad essere abbandonati nelle campagne, spesso all’insaputa dei proprietari che se li ritrovano nei loro terreni. Ed alcune volte ad insaputa degli stessi committenti dei lavori edilizi, sicuri di aver pagato anche per il corretto smaltimento dei materiali di risulta.
In contrada fiumicello, una campagna altrimenti di grande valore paesaggistico, sono abbandonati tra le altre cose rifiuti di tutti i generi, da quelli elettronici che andrebbero consegnati presso la sede provvisoria della teknoservice, in attesa del completamento delle isole ecologiche a quelli ingombranti, come vecchi arredi ormai rotti di cui può anche esser chiesto il ritiro a domicilio.
Insomma c’è ancora chi pensa di ripulire vecchie case private sporcando invece il paesaggio circostante, facendo un danno non solo ai proprietari dei suoli, ma a chiunque in cerca di natura provi ad uscire dal perimetro delle mura di casa. 
E’ una violenza di cui spesso si sottovaluta il significato.
Cosa fare? A questo punto l’unica cosa da fare è aumentare l’educazione ambientale dei cittadini, perché possa costituire un freno a questi abbandoni illegali.

Nessun commento:

Posta un commento