DIGITA LA TUA MAIL QUI PER GLI AGGIORNAMENTI

venerdì 8 luglio 2016

IL NUOVO SINDACO PARISI: “SERVIZI SOCIALI EMERGENZA MASSIMA”.

GINOSA - Aula consiliare.
Da sx l'ass. Maria Romana Lippolis (servizi sociali) Vito Parisi (sindaco) l'ass.Vincenzo Tarantini (bilancio, attività produttive, personale)
QUOTIDIANO DI PUGLIA 8 LUGLIO 2016*

di Nicola NATALE


Dura circa un’ora la prima conferenza dell’amministrazione a 5 stelle targata Vito Parisi. 
Con due assessori, Maria Romana Lippolis (servizi sociali) e il vicesindaco Vincenzo Tarantini (bilancio, attività produttive, personale), che affiancheranno da subito in giunta il primo cittadino nei settori ritenuti a più urgente bisogno di cure. 
Gli altri assessori verranno nominati entro Agosto; il primo Consiglio comunale, la cui data è fissata per mercoledì 13 luglio alle 20:00, sarà l’occasione per ufficializzare le scelte già compiute in merito alle deleghe ai consiglieri eletti. 
Già rese note in via informale quelle di Lisa D’Amelio alla cultura, di Giorgio Acquasanta all’agricoltura, di Ketty Bardinella all’istruzione. 
da sx i neo consiglieri comunali Giorgio Acquasanta (agricoltura) Lisa D'Amelio (cultura, rapporti con le associazioni) Ketty Bardinella (istruzione)
L’esordio di Vito Parisi è tutto legato al riconoscimento del “gran lavoro” svolto dal commissario Malgari Trematerra, la cui opera era stata invece criticata dal centrodestra di Vito De Palma. 
Poi il racconto dell’impatto con le continue richieste di aiuto, di posti di lavoro e con le esigenze delle persone in stato di povertà: “provo rabbia per chi ha ridotto il paese così”. 
Ma bisogna andare avanti ed il leit motiv è “recidere la commistione tra politica ed amministrazione, potenziare l’ufficio relazioni con il pubblico, diffondere un app per segnalare i disservizi”.
GINOSA Un tre ruote per il centro storico.
Non poteva mancare il tema dei rifiuti con il “rimpallo tra azienda, addetti e ufficio competente” e con l’incontro già svolto con l’amministratore Teknoservice (ditta appaltante) e la richiesta del sindaco di “un rispetto pedissequo del contratto”. Verranno perciò ripristinati i tre turni settimanali di raccolta dei rifiuti indifferenziati. Cosa che produrrà “forse un ulteriore peggioramento delle percentuali di raccolta differenziata, ma consentirà di superare meglio l’estate”. Tutto in attesa di attivare finalmente “le isole ecologiche, la videosorveglianza contro l’abbandono dei rifiuti e un piano programmato di raccolta straordinaria di quelli abbandonati”.
Vincenzo Tarantini,
vicesindaco di Ginosa.
E’ poi il turno del vicesindaco Tarantini (614 voti) che entra subito in partita: “abbiamo già fatto tantissime cose, tra le quali ricevere i revisori dei conti e capire che con 700mila euro incassati a giugno siamo già in scopertura”.
Per questo ha affermato “è stata preziosa l’opera del commissario e dei funzionari comunali nel rinegoziare i mutui, nel predisporre un rientro a tre mesi dei soldi anticipati per altri comuni dell’ambito, nel nominare organismi di valutazione e revisori realmente indipendenti”. Certo ci sono da recuperare “900mila euro di multe non pagate, soprattutto a Marina di Ginosa, dove qualcuno ha dimenticato di pagare gli oneri di urbanizzazione, ma non c’è da farsi illusioni”. Ma su tutto per Tarantini “è mancata la visione strategica, sostituita dalla logica clientelare”.
Maria Romana Lippolis,
assessore ai servizi sociali
Concetto ripreso poi dall’ass. Lippolis (292 voti) per la quale “ci sono emergenze non da poco che richiedono decisioni in tempi brevi, il tutto con una visione integrata già da delineare nella prossima riunione d’ambito”.
Chiude la conferenza il sindaco che dal “cambiamo tutto” della campagna elettorale passa al più ragionevole “non agiremo come bulldozer, stiamo capendo, i cambiamenti non saranno contro qualcuno, ma per migliorare”.
A partire da wi-fi in Comune, rete internet nelle zone scoperte necessaria per nuovi agriturismi e attività, con la più volte richiamata centralità del Consiglio comunale assieme agli assessori. Ed una piccola nota polemica: gli assessori non avevano che un ufficio con una targhetta, senza postazioni per lavorare presenti solo per gli stagisti, noi cambieremo questo approccio”.
Rimane la consapevolezza  espressa da Parisi “che nessun problema, dal prg al pug, dal piano coste al traffico, dalla stagione culturale al centro storico è di facile soluzione, però l’impegno politico sarà massimo, senza tirocinio già da ora”.
*versione integrale
QUOTIDIANO DI PUGLIA Edizione di Taranto 8 luglio 2016
L'articolo dedicato alla giunta presentata ieri in Consiglio.