DIGITA LA TUA MAIL QUI PER GLI AGGIORNAMENTI

giovedì 16 giugno 2016

MARINA DI GINOSA SENZA PIANO COMUNALE DELLE COSTE. A RISCHIO COMMISSARIAMENTO.

MARINA DI GINOSA ED IL SUO LITORALE LUNGO 6.1 CHILOMETRI.
QUOTIDIANO DI PUGLIA 15 GIUGNO 2016

di Nicola NATALE


Piano Comunale delle Coste, questo sconosciuto. 
Ginosa è tra gli 8 comuni totalmente inadempienti in Puglia per quanto riguarda la pianificazione costiera. 
È quanto emerge da un’interrogazione urgente presentata dai consiglieri Rosa Barone ed Antonella Laricchia del Movimento 5 stelle il 5 aprile scorso. 
L’inerzia fin qui mostrata potrebbe portare ad un commissariamento da parte della Regione secondo quanto specifica lo stesso dirigente della sezione demanio e patrimonio, ing. Giovanni Vitofrancesco. Come detto Ginosa (assieme a Lesina, Rodi Garganico, Mola di Bari, Carovigno, Andrano, Alessano ed Alliste) ha completamente omesso di rispondere alla Regione, perlomeno fino all’11 aprile del 2016.
QUOTIDIANO DI PUGLIA
15 GIUGNO 2015
La Regione Puglia era già passata all’azione con la diffida ad adempiere nel 2014 e potrebbe proseguire con l’attivazione della procedura di commissariamento.
Nel frattempo, come si ricorderà, l’intero comune di Ginosa è stato commissariato nel maggio del 2015 in seguito all’uscita dalla maggioranza di quattro consiglieri.
La questione, al di là dell’aspetto burocratico, riporta in vita l’eterna discussione sul miglioramento e sviluppo del fronte mare di Marina di Ginosa. 
Le esigenze di pianificazione sono venute nuovamente alla ribalta in questi giorni con la richiesta di “rispetto da parte dei Comuni del Piano regionale delle Coste, nelle more dell’adozione dei nuovi piani comunali delle coste” avanzata anche dal consigliere regionale Marco Galante.
A Marina di Ginosa è da anni in corso un dibattito molto vivace sull’utilizzo dei 6,1 chilometri di litorale ed in particolare sulla corretta suddivisione tra spiagge totalmente pubbliche e aree in concessione. 
Così come sull’ampiezza di alcuni stabilimenti rispetto ad altri. 
Da ultimo, il 28 maggio scorso, l’associazione “Cittadinanza attiva marinese” con delle foto aveva denunciato dei lavori di alterazione del sistema retrodunale e di rimozione della macchia mediterranea su un’area nei pressi di via Stella Maris. 
Facendo poi seguire una formale denuncia al Corpo Forestale di Marina di Ginosa. 
In pratica per realizzare un’attività collegata ad uno degli stabilimenti balneari si è sradicata la macchia mediterranea e si sono livellate le dune.
MARINA DI GINOSA
IL LIVELLAMENTO DELL'AREA AL TERMINE DI VIA STELLA MARIS